GROTTAMMARE – Le spese educative sostenute dalle famiglie nell’anno 2019/2020 sono rimborsabili fino al 100%.

Il contributo riguarda i costi dei servizi di refezione e frequenza rivolti a bambini da 0 a 6 anni.

Il riconoscimento del contributo si basa sull’attestazione Isee:

-fino a 7500 euro è previsto il rimborso totale delle spese sostenute;

-da 7.501 fino 21.500 euro sono previste agevolazioni tariffarie, con riduzioni dal 30 al 75% delle spese sostenute, all’interno di 3 fasce di Isee (30% da 15.001 a 21.500, 50% da 10.001 a 15.000 euro, 75% da 7.501 a 10.000 euro).

Rientrano nel beneficio:

– spese per la mensa scolastica dei bambini frequentanti la Scuola dell’Infanzia dell’IC “G. Leopardi”

– rette di frequenza del Centro Infanzia comunale “Pollicino”

– rette di frequenza del Centro Infanzia “Baby Azzurro”

– rette di frequenza della scuola dell’infanzia paritaria “Santa Maria” dell’Istituto Suore di Carità Santa Maria.

I criteri di assegnazione sono più dettagliatamente illustrati alla sezione “Avvisi Pubblici” del sito istituzionale www.comune.gottammare.ap.it, dove è possibile anche scaricare la modulistica per la richiesta del contributo. Il procedimento è curato dall’ufficio Servizi Sociali, 0735.739228 – assistenza@comune.grottammare.ap.it.

I fondi disponibili provengono dal Programma regionale degli interventi per lo sviluppo del sistema integrato di educazione ed istruzione dalla nascita a 6 anni di età, al quale il Comune di Grottammare ha avuto accesso grazie al progetto “Al vostro fianco”.

Le istanze potranno essere presentate al Comune in uno dei seguenti modi:

via mail all’indirizzo: assistenza@comune.grottammare.ap.it;

via PEC all’indirizzo: comune.grottammare.protocollo@emarche.it;

via fax al numero: 0735.739253;

consegnate allo sportello del Protocollo 9.30-13 dal lunedì al venerdì, 15.30-17.30 anche martedì e giovedì.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.