GIULIANOVA – Facevano parte di un sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti in provincia di Teramo.

Per questo, in questi giorni, tre persone sono finite in carcere. I carabinieri di Giulianova, insieme ai colleghi di Chieti e l’unità cinofila, hanno eseguito delle ordinanze di custodia cautelare, appunto, in carcere nei confronti di tre individui.

Un’inchiesta avviata ad agosto 2019 quando i militari, impegnati nel contrastare lo spaccio di droga lungo la costa teramana, avevano fermato un pregiudicato proveniente dall’entroterra teramano in possesso di svariati grammi di eroina.

Dalle indagini i carabinieri sono risaliti ad un nucleo familiare residente nella zona della Rocca a Giulianova, dedito allo spaccio ingente di cocaina ed eroina.

Nel novembre 2019 in uno scantinato fu rinvenuto più di un chilo di eroina e anche 200 grammi di cocaina oltre che a bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi, tutto posto sotto sequestro. Fu arrestata una 56enne pregiudicata.

Nei successivi mesi i militari hanno ricostruito il traffico di sostanze stupefacenti verificando numerose cessioni ai tossicodipendenti della provincia di Teramo. Dosi di eroina e cocaina per un guadagno complessivo di oltre 100 mila euro.

Le misure di esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare in carcere, e anche varie perquisizioni, sono state effettuate da oltre 30 carabinieri nell’intera zona della Rocca a Giulianova.

I carabinieri del Comando Provinciale di Teramo hanno rinominato l’operazione in “Scacco al Torrione”. Sequestrate anche delle auto insieme alle droghe.

Di seguito il nostro successivo articolo a riguardo

Senza assicurazione, 4 auto sequestrate. Proprietario minaccia carabinieri con una mazza


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.