SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I consueti controlli delle Forze dell’Ordine, svolti in questi giorni anche nella Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, hanno dato frutti importanti.

Il primo a rimanere impigliato nella rete dei poliziotti sambenedettesi è stato un 37enne, fermato alla guida della sua auto all’altezza del Ponte Tronto a Porto d’Ascoli.

Lui, residente a San Benedetto, nervoso e tremante davanti agli agenti ha tirato fuori una siringa che aveva nascosto sotto il tappetino, confessando di essere tossicodipendente e che si stava spostando da una regione all’altra per andare a comprare la droga.

Nell’abitacolo del veicolo aveva pure nascosto un coltello di 20 centimetri, poi sequestrato.

L’uomo è stato denunciato per porto ingiustificato di armi e sanzionato con una multa di 400 euro per la violazione delle misure anti-virus (n.d.r. nella serata del 20 maggio è stato emanato nelle Marche il Decreto per gli spostamenti tra i territori di confine, con validità dalle 00 del 21 maggio).


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.