SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’associazione Ambiente e Salute nel Piceno, l’Isde, nella persona della dottoressa Renata Alleva, il Comitato Stop 5G Marche, nella persona di Stefania Gagliardi e i Comitati in rete Marche, nella persona di Adriano Mei, esprimono la propria gioia e soddisfazione per l’ordinanza firmata in data 18 maggio dal Sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti, con la quale si vieta l’installazione e la diffusione  sul territorio comunale di impianti di SRB per telecomunicazioni con tecnologia 5G.

Di seguito le parole delle parti sociali.

“Siamo contenti che l’impegno profuso per informare e coinvolgere i cittadini e le istituzioni comunali in merito ai possibili effetti sulla salute da parte di questa  nuova tecnologia abbia dato i suoi frutti, portando a questa ordinanza che è un necessario atto di tutela della salute dei cittadini di tutto il territorio Comunale.

Dopo il recente incontro pubblico on line con i Sindaci di Monteprandone, Potenza Picena e la rappresentante del Sindaco di Martinsicuro, avevamo scritto il comunicato stampa: “Comitati, Isde Comuni:prove di intesa”, per sottolineare il fatto che il confronto tra le varie componenti porta sempre a raggiungere la soluzione per far fronte ai vari pericoli, anche i più seri.

Anche questa volta è andata così.

L’ordinanza del Sindaco di San Benedetto del Tronto va ad aggiungersi a quelle dei Sindaci dei Comuni del vicino Abruzzo , del Fermano e a quella del sindaco di Potenza Picena  Noemi Tartabini.

Speriamo che questa ordinanza  sia la spinta adeguata per far si che provvedimenti analoghi siano emanati anche dagli altri Sindaci del Piceno”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.