RIPATRANSONE – Di seguito una nota, giunta in redazione, di Progetto Paese (minoranza di Ripatransone) a firma dei consiglieri Antonio De Angelis, Luca Vitale, Roberta Capocasa e Giada Pierantozzi.

Il Palazzo del Podestà è uno degli edifici medievali più interessanti della regione, realizzato in stile romanico-gotico nel 1304. Oltre a vari restauri fatti tra il ‘500 e il ‘700, le linee dell’edificio furono modificate nel secolo scorso. La torre civica conserva nella cella campanaria il campanone civico fuso a Ripatransone nel 1702 da Laureti di Spoltore.

Spunta un’altra antenna sul torrione, monumento simbolo della città. Proprio all’interno ormai ci saranno circa 7 o 8 antenne. Noi di Progetto Paese ci poniamo delle domande.

Ma la Soprintendenza dei Beni Culturali cosa dice, che si vedono più le antenne che la Campana? 

Il tutto può valere solo per una questione economica

Ma le torri di Ripatransone non fanno parte di un patrimonio da tutelare?

Noi siamo preoccupati delle tante antenne sparse per il territorio, cimitero (dove ne stanno installando un’ altra), San Savino, colle San Nicolò e nel campo sportivo Petrella. Siamo preoccupati.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.