SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Spiagge sì, aree verdi “nì”.

A San Benedetto, dal 4 maggio, la maggior parte dei parchi e i giardini della città resteranno chiusi anche nella Fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

“Con ordinanza del Sindaco, è stata disposta la prosecuzione della chiusura di numerosi parchi, giardini ed aree verdi della città anche dopo il 4 maggio e fino a revoca dell’atto” si legge in una nota diffusa dal municipio sambenedettese.

Queste le aree verdi che rimarranno chiuse:

  • Area verde via Ferri
  • Area verde via D’Annunzio
  • Parco via Saffi
  • Parco via Manara
  • Parco Sara
  • Area Verde via Montello
  • Area Verde via Formentini
  • Area Verde piazza Kolbe – Fornace Cerboni
  • Area verde via Lombardia ( parco Wojtyla )
  • Parco via Monte Conero
  • Parco Eleonora
  • Parco Ristori
  • Parco Paola
  • Giardino dei Colori (complesso Vannicola)
  • Parco SS. Annunziata

Si tratta, in sostanza, di tutti i parchi dotati di recinzione. “Per gli altri, lo stesso provvedimento vieta, in ottemperanza a quanto previsto dal Dpcm del 26 aprile, l’utilizzo delle attrezzature ludiche presenti” spiegano dal Comune.

“Nel predisporre l’ordinanza – spiega il sindaco Pasqualino Piunti – abbiamo considerato come prioritario il principio della massima cautela: considerando che in quegli spazi la concentrazione di attrezzature ludiche è alta, sarebbe stato problematico interdirne l’uso ai bambini. Per non parlare delle aree che accolgono campetti da calcio o basket per le quali sarebbe stato impossibile  trovare sufficiente personale da adibire a vigilanza”. 

Nelle prossime ore il servizio Aree Verdi e Qualità Urbana provvederà ad installare nelle aree che resteranno aperte cartelli che informano del divieto di usare attrezzature ludiche.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.