SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’associazione “Ora et Labora” e il Comune di San Benedetto, con la collaborazione del Gruppo Comunale di Protezione civile e il patrocinio dell’Ordine provinciale dei farmacisti di Ascoli Piceno e Fermo e Federfarma Ascoli che raggruppa i titolari di farmacie della Provincia, hanno varato l’iniziativa del “Farmaco sospeso”.

In analogia con una antica e nobile consuetudine nata a Napoli con il caffè pagato al bar per uno sconosciuto che non può permetterselo, poi estesasi ai prodotti alimentari, il “farmaco sospeso” è quello che chiunque può pagare al farmacista affinché arrivi a chi altrimenti non può permetterselo.

Spiega l’assessore alle politiche sociali Emanuela Carboni: “Sarà l’associazione Ora et labora, che da anni collabora con il Comune in una preziosa opera di assistenza discreta a coloro che sono in difficoltà e il cui ruolo è ancora più importante in questi difficili momenti, a raccogliere le necessità mentre la Protezione civile provvederà a consegnare alle famiglie bisognose i medicinali “sospesi” depositati presso le farmacie della città. Ma sarà possibile donare anche parafarmaci e prodotti per la prima infanzia”.

“Per la tipologia di prodotto da donare – aggiunge il sindaco Piunti, che ha tenuto i contatti con Federfarma – sarà essenziale il consiglio professionale dei farmacisti a cui va il ringraziamento dell’Amministrazione comunale per aver subito aderito all’iniziativa”.

Un’apposita locandina sarà esposta nelle farmacie aderenti.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.