MONTEPRANDONE – “Cari concittadini, alcuni aggiornamenti sulla situazione dei contagi sul territorio di Monteprandone, sui controlli e sulle nuove disposizioni regionali e nazionali relative alle misure di contenimento”.

Così in una nota il sindaco di Monteprandone, Sergio Loggi, l’11 aprile, fornisce qualche dato sull’emergenza nel suo Comune.

SITUAZIONE CONTAGI

“Ad oggi sono 16 le persone positive al Covid-19. Sale, invece, a 31 il numero di cittadini in isolamento domiciliare obbligatorio. Tutti stanno bene, trascorreranno a casa o nel luogo di domicilio i prossimi giorni. Sono certo che riusciranno a rimettersi in forze e guarire dal virus molto presto. A tutti loro giunga l’affetto e la vicinanza dell’intera comunità in questa difficile prova”.

PASQUA E PASQUETTA: RESPONSABILITA’ E CONTROLLI

“In vista delle festività pasquali, raccomando senso di responsabilità a tutti voi. Non sono ammesse scampagnate o qualsiasi altra forma di aggregazione che non rispetti le misure di distanziamento sociale, neppure tra nuclei familiari residenti nella stessa zona, via, condominio.

In queste giornate i controlli delle Forze di Polizia non si fermano, anzi saranno più stringenti e verranno effettuati, anche nelle vie più periferiche o di campagna”.

NEGOZI CHIUSI: PASQUA, 25 APRILE E 1° MAGGIO

“E’ stata emanata una ordinanza che stabilisce la chiusura di tutte le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità svolte sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali per i giorni di Pasqua (12 aprile), della Festa della Liberazione (25 aprile) e della Festa dei Lavoratori (1 maggio)”.

RESTIAMO A CASA FINO AL 3 MAGGIO

“Sempre ieri, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato un nuovo Decreto, attraverso il quale ha prorogato le misure in vigore, fino al 3 maggio 2020.

Dal 14 aprile potranno però riaprire alcune attività commerciali (cartolerie, librerie e negozi per neonati) con le dovute precauzioni. Raccomando agli esercenti l’obbligo dell’uso della mascherina per se e per la clientela e di invitarli a igienizzare le mani o ad indossare guanti, come da ordinanza sindacale e, come, ribadito sul Decreto”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.