MONTEPRANDONE – Conclusi in via definitiva tutti i campionati di pallamano, serie B maschile e tornei giovanili compresi. Per l’Handball Club Monteprandone, dunque, cala in anticipo il sipario sulla stagione sportiva 2019/2020. Lo ha deciso la FIGH dopo il Consiglio Federale domenicale in video-conferenza. “Vista l’impossibilità di individuare adeguati criteri univoci – scrive la Federazione in una nota – è stato deliberato di non dare luogo a promozioni dalla Serie B alla Serie A2 Maschile”.

Così dopo il blocco del campionato a inizio marzo e la successiva proroga, la pallamano alza inevitabilmente bandiera bianca. L’ultima partita della stagione di serie B, la 14esima per l’HC Monteprandone, resta il 30-27 maturato sul parquet del Camerano U19 il 1° marzo scorso. I blu erano primi in classifica a quota 21, con un punto di vantaggio sul Cus Ancona, che però aveva disputato una gara in meno.

Il commento, dispiaciuto, del vicepresidente Pierpaolo Romandini: “La scelta era inevitabile. Giusto concludere senza promozioni. Spero che si riesca a ripartire l’anno prossimo: sarà indispensabile l’aiuto della Federazione, che in tal senso ha già promesso il massimo impegno. Peccato anche per le nostre formazioni giovanili, che non potranno disputare la fase nazionale”.

“A margine ci tengo a fare i complimenti alla Polisportiva Cingoli per la doppia promozione in A1 delle squadre maschile e femminile. E sono contento che le formazioni di Camerano e Chiaravalle siano rimaste in A2” conclude Pierpaolo Romandini.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.