GROTTAMMARE – Sta per partire la distribuzione dei buoni alimentari, per un valore complessivo di 106.000 €, ai cittadini residenti che stanno vivendo un periodo di grave difficoltà economica causata dall’emergenza COVID-19. Nei giorni scorsi, infatti, gli uffici comunali hanno lavorato per stabilire modi e tempi per l’erogazione del beneficio, in attuazione dell’ordinanza n. 658 del Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, dello scorso 29 marzo. 

Richieste a partire da venerdì 3 aprile. 

Il beneficio consiste nella possibilità di acquistare generi alimentari in uno degli esercizi commerciali operanti nel territorio comunale che aderiranno all’iniziativa. 

L’assegnazione verrà determinata sulla base dei requisiti economici da dichiarare  in sede di domanda. Unitamente a una serie di altri parametri riferiti alla condizione familiare del nucleo richiedente (e dettagliati nel modulo di domanda), verranno stilate le priorità di concessione e l’ammontare dei buoni, il cui valore varia da 100 a 400 euro per famiglia.

I buoni alimentari potranno essere estesi anche a persone domiciliate nel Comune di Grottammare, previa istruttoria da parte degli uffici dei Servizi sociali. Può essere presentata una sola domanda per nucleo familiare, entro il 10 aprile.

Una volta ottenuta l’assegnazione, il beneficiario comunica all’esercizio commerciale, scelto in sede di domanda, il codice ottenuto dal Comune per ricevere materialmente il buono spesa. 

Per quanto  riguarda gli esercizi commerciali, è in via di creazione un elenco tra quelli che avranno manifestato entro oggi – 2 aprile – l’interesse ad aderire. Si tratta di una lista aperta, con aggiornamenti settimanali che raccoglieranno le adesioni pervenute successivamente a tale data e che verranno pubblicati sul sito istituzionale del comune di Grottammare.

La domanda dovrà essere presentata utilizzando l’apposito modello predisposto dal Comune (scaricabile dal sito www.comune.grottammare.ap.it)  e dovrà pervenire all’Ufficio Protocollo, secondo una delle seguenti modalità:

– a mezzo pec all’indirizzo comune.grottammare.protocollo@emarche.it

– a mezzo mail all’indirizzo protocollo@comune.grottammare.ap.it

– consegna a mano, allo sportello del Servizio Protocollo del Comune, solo in caso di assoluta impossibilità di utilizzare le modalità sopraindicate e previo appuntamento telefonico al n. 0735.739227, al fine di evitare assembramenti di persone.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare i seguenti numeri: 0735.739228-236-223.

INFO PER CITTADINI

  1. Chi può fare domanda

Possono fare domanda, prioritariamente, i cittadini residenti bisognosi colpiti dalla situazione economica determinatasi per effetto dell’emergenza COVID-19. Può essere presentata una sola domanda per nucleo familiare. Previa approfondita istruttoria da parte dei Servizi Sociali del Comune il beneficio potrà essere esteso a persone bisognose domiciliate nel Comune di Grottammare.

  1. Esclusioni dall’erogazione dei buoni spesa

Saranno esclusi dal beneficio tutti i nuclei familiari con reddito netto complessivo superiore alle fasce indicate nella tabelle sottostanti.

(Per reddito si intende l’utile che deriva dall’esercizio di un mestiere/professione. Vanno incluse anche le somme derivanti da pensioni di vecchiaia/anzianità – anche anticipate – e dai Tirocini per l’Inclusione Sociale in favore dei beneficiari del PON. Non vanno conteggiate le pensioni di invalidità, le pensioni sociali, il Reddito di Cittadinanza, il Reddito di Emergenza, Il Reddito di Inclusione, la disoccupazione, la cassa integrazione e le somme percepite per lo svolgimento di Tirocini per l’Inclusione Sociale in favore dei beneficiari del POR.)

 

1 persona 2 persone 3 persone 4 persone 5+ persone
900 1.300 1.500 1.700 1.800

oppure

con capitale composto da conti correnti, azioni, titoli, quote di società intestate a familiari (per la parte di quota posseduta) o altri strumenti finanziari complessivamente superiore a € 10.000,00;

In ogni caso il nucleo deve dichiarare espressamente l’incapacità di poter provvedere in maniera adeguata all’acquisto dei beni di prima necessità per la famiglia.

  1. Priorità nella concessione  dei buoni spesa

I buoni spesa alimentari saranno erogati secondo i seguenti criteri:

Nucleo familiare che ha subito una riduzione del reddito percepito a causa dell’emergenza in corso

  • (punti 0)
  • No (punti -2)

Ultimo reddito percepito dal suo nucleo familiare

  • Nucleo familiare non percettore di reddito o che lo ha perso per effetto dei provvedimenti restrittivi dettati dall’emergenza sanitaria (punti 10)
  • Nucleo familiare con reddito netto inferiore alle fasce di esclusione (punti 4)

(inclusi nuclei monoreddito o con più redditi che abbiano o meno subito una riduzione del compenso percepito a causa dell’emergenza in corso e in cui siano o meno presenti una o più partite IVA riconducibili a codice ateco esclusi dalle attività per decreto)

Nucleo familiare già in carico ai Servizi Sociali alla data dell’8 marzo 2020 per situazioni di criticità, fragilità, multiproblematicità

  • (punti 2)
  • No (punti 0)

Composizione del nucleo familiare

  • 1 persona (punti 0)
  • 2 persone (punti 2)
  • 3 persone (punti 3)
  • 4 persone (punti 4)
  • 5 persone (punti 5)
  • 6 persone (punti 6)
  • 7 o più persone (punti 7)

Figli a carico presenti nel nucleo

  • Nessuno (punti 0)
  • 1 figlio a carico (punti 2)
  • 2 figli a carico (punti 3)
  • 3 figli a carico (punti 4)
  • 4 o più figli a carico (punti 5)

Nucleo monogenitoriale

  • No (punti 0)
  • (punti 2)

Presenza di bambini fino a 6 anni nel nucleo familiare

  • No (punti 0)
  • 1 bambino fino a 6 anni (1 punto)
  • 2 o più bambini fino a 6 anni (2 punti)

Presenza di persone oltre i 65 anni nel nucleo familiare

  • No (punti 0)
  • 1 persona oltre i 65 anni (punti 1)
  • 2 o più persone oltre i 65 anni (punti 2) 

Presenza di persone affette da patologie croniche nel nucleo familiare

  • No (punti 0)
  • (punti 1)

Presenza di disabili nel nucleo familiare

  • No (punti 0)
  • 1 disabile (punti 1)
  • 2 o più disabili (punti 2) 

Abitazione del nucleo familiare:

  • In comodato (0 punti)
  • Di proprietà (0 punti)
  • Derivante dalle politiche di edilizia agevolata o sovvenzionata (1 punti)
  • Per la quale sta pagando un mutuo (2 punti)
  • In affitto (3 punti)
  • Senza fissa dimora (6 punti)


Nucleo familiare già percettore di altre forme di sostegno complessivamente superiori a € 493/mese

(Vanno conteggiate le pensioni di invalidità, le pensioni sociali, il Reddito di Cittadinanza, il Reddito di Emergenza, Il Reddito di Inclusione, la disoccupazione, la cassa integrazione e le somme percepite per lo svolgimento di Tirocini per l’Inclusione Sociale in favore dei beneficiari del POR)

  • Sì  (punti -4 e perdita di priorità)
  • No (punti 0)
  1. Entità dei buoni spesa 

Il valore dei buoni spesa è articolato secondo la seguente modalità:

Punteggi inferiori a 5 non maturano buoni spesa.

  • 5-6 punti = € 100,00;
  • 7-8 punti = € 150,00;
  • 9-10 punti = € 200,00;
  • 11-12 punti = € 250,00;
  • 13-14 punti = € 300,00;
  • 15-16 punti = € 350,00;
  • 17 o più punti = € 400,00

Oltre 17 punti il valore del buono resta comunque di € 400,00.

I buoni spesa saranno emessi con pezzature di € 50,00.

  1. Modalità di erogazione dei buoni spesa 

L’attribuzione dei buoni sarà determinato con provvedimento del Responsabile della 1ª Area, tenendo conto dei criteri di cui all’art. 2 del presente avviso.

Il beneficiario comunica il codice ottenuto dal Comune all’esercizio commerciale prescelto in fase di presentazione dell’istanza che provvede alla materiale consegna del/i buono/i.

  1. Modalità di presentazione della domanda

La domanda dovrà essere presentata utilizzando l’apposito modello predisposto dal Comune e dovrà pervenire all’Ufficio Protocollo di questo Ente, secondo una delle seguenti modalità:

– a mezzo pec all’indirizzo comune.grottammare.protocollo@emarche.it

– a mezzo mail all’indirizzo protocollo@comune.grottammare.ap.it

– consegna a mano, solo in caso di assoluta impossibilità di utilizzare le modalità sopraindicate e previo appuntamento telefonico al n. 0735.739227 al fine di evitare assembramenti di persone,  presso il Servizio Protocollo del Comune di Grottammare.

  1. Ulteriori Informazioni

Per ulteriori informazioni è possibile contattare i seguenti numeri: 0735.739228 – 0735.739236 – 0735.739223.

  1. Controlli

Il Comune effettuerà i dovuti controlli, anche a campione, circa la veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese ai fini della partecipazione al presente bando non appena le direttive nazionali consentiranno la normale ripresa delle attività, anche servendosi della collaborazione degli istituti bancari e delle Forze dell’ordine.

Si ricorda che, a norma degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni, chi rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia e decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

  1. Responsabile del Procedimento

Il Responsabile del  Procedimento è il Responsabile della 1ª Area dott. Igor Vita.

  1. Pubblicità 

Il presente avviso sarà pubblicato unitamente al modello di domanda e all’elenco degli esercizi commerciali che hanno aderito all’iniziativa secondo le seguenti modalità:

– all’Albo Pretorio del Comune di Grottammare.

– nella home page del sito istituzionale del Comune di Grottammare.

  1. Informativa sul trattamento dei dati personali REG. UE n. 679/2016

Il Comune di Grottammare, in qualità di titolare del trattamento, tratterà i dati personali conferiti con modalità prevalentemente informatiche e telematiche, per l’esecuzione dei propri compiti di interesse pubblico o comunque connessi all’esercizio dei propri pubblici poteri, ivi incluse le finalità di archiviazione, di ricerca storica e di analisi per scopi statistici. I dati saranno trattati per tutto il tempo necessario alla conclusione del procedimento-processo o allo svolgimento del servizio-attività richiesta e, successivamente alla conclusione del procedimento-processo o cessazione del servizio-attività, i dati saranno conservati in conformità alle norme sulla conservazione della documentazione amministrativa.

I dati saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori del titolare e potranno essere comunicati ai soggetti espressamente designati come responsabili del trattamento. Al di fuori di queste ipotesi i dati non saranno comunicati a terzi né diffusi, se non nei casi specificamente previsti dal diritto nazionale o dell’Unione europea.

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la

rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e seguenti del RGPD).

Gli interessati, ricorrendone i presupposti, hanno, altresì, il diritto di proporre reclamo all’Autorità

di controllo (Garante Privacy) secondo le procedure previste.

INFO PER COMMERCIANTI

Gli esercizi commerciali interessati si impegnano a emettere carte prepagate ovvero altri documenti cartacei o informatici, dell’importo unitario di euro 50,00, che dovranno essere identificati ciascuno da codici numerici o alfanumerici non consecutivi. I buoni saranno spendibili anche in acquisti separati e dovranno avere validità minima di un anno dalla data di consegna al beneficiario. Le attività commerciali accreditate comunicheranno al Comune di Grottammare una lista di codici che poi i Servizi Sociali del Comune assegneranno ai cittadini aventi diritto, lasciando a questi ultimi la possibilità di indicare una preferenza tra gli esercizi commerciali presenti nell’elenco pubblicato dal Comune. 

Il beneficiario comunicherà il/i codice/i ottenuto/i dal Comune all’esercizio commerciale che provvederà alla materiale consegna del buono/i.

L’esercizio commerciale, con cadenza minima bisettimanale, emetterà fattura elettronica indicando in allegato i codici dei buoni consegnati ai beneficiari.

Gli esercizi commerciali interessati dovranno applicare un ribasso del 10% sull’importo della fornitura.

Il pagamento delle fatture avverrà nel termine di 30 giorni dal ricevimento.

In conformità alla normativa vigente, la liquidazione delle fatture avverrà previa verifica effettuata dall’Ente circa la regolarità contributiva dell’esercizio commerciale.

Gli esercizi commerciali operanti nel settore con propri punti vendita nel Comune di Grottammare interessati alla fornitura di prodotti alimentari e generi di prima necessità a favore di soggetti colpiti dalla situazione economica determinatasi per effetto dell’emergenza COVID – 19, iscritti alla C.C.I.A. per attività idonee, potranno presentare apposita istanza usando il modello di domanda, allegato al presente avviso, firmato dal proprio legale rappresentante.

La domanda dovrà pervenire all’Ufficio Protocollo di questo Ente entro le ore 13 del giorno 02.04.2020, secondo le seguenti modalità:

– a mezzo PEC all’indirizzo comune.grottammare.protocollo@emarche.it;

– a mezzo mail all’indirizzo protocollo@comune.grottammare.ap.it.

L’elenco degli esercizi è aperto ed ha durata annuale.

L’aggiornamento sarà effettuato e pubblicato con cadenza settimanale. Il primo aggiornamento sarà effettuato il 6 aprile 2020 per le manifestazioni di interesse pervenute entro le ore 10 del medesimo giorno.

Analogamente si procederà nelle successive settimane.

Il presente avviso sarà pubblicato unitamente al modello di domanda secondo le seguenti modalità:

– all’Albo Pretorio del Comune di Grottammare.

– nella home page del sito istituzionale del Comune di Grottammare.

Il Responsabile del Procedimento è il Responsabile della 1ª Area Servizi alla Persona: Inclusione ed Educazione, dott. Igor Vita.

Informativa sul trattamento dei dati personali REG. UE N° 679/2016

Il Comune di Grottammare, in qualità di titolare del trattamento, tratterà i dati personali conferiti con modalità prevalentemente informatiche e telematiche, per l’esecuzione dei propri compiti di interesse pubblico o comunque connessi all’esercizio dei propri pubblici poteri, ivi incluse le finalità di archiviazione, di ricerca storica e di analisi per scopi statistici. I dati saranno trattati per tutto il tempo necessario alla conclusione del procedimento-processo o allo svolgimento del servizio-attività richiesta e, successivamente alla conclusione del procedimento-processo o cessazione del servizio-attività, i dati saranno conservati in conformità alle norme sulla conservazione della documentazione amministrativa.

I dati saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori del titolare e potranno essere comunicati ai soggetti espressamente designati come responsabili del trattamento. Al di fuori di queste ipotesi i dati non saranno comunicati a terzi né diffusi, se non nei casi specificamente previsti dal diritto nazionale o dell’Unione europea.

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e seguenti del RGPD).

Gli interessati, ricorrendone i presupposti, hanno, altresì, il diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo (Garante Privacy) secondo le procedure previste.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.