Al giorno d’oggi è facile lasciarsi prendere dal panico e temere per l’incolumità non solo dei propri beni materiali ma soprattutto della propria famiglia. I furti in casa durante il periodo estivo, solitamente quello in cui si lascia incustodito l’appartamento, aumentano sempre più e sembra che non si riesca ad arginare il fenomeno.

Se anche voi siete preoccupati per un’evenienza di questo tipo, potrebbe essere arrivato il momento di dotare la propria abitazione di un sistema di antifurto. Esistono inoltre dei casi specifici in cui questa misura precauzionale diventa quasi un obbligo, vediamo insieme di quali si tratta. 

Case al pianterreno

Siano esse villette singole o appartamenti di un edificio, il pianterreno è un rischio da non sottovalutare. Solitamente un’abitazione di questo tipo ha il vantaggio di avere uno spazio esterno, come un piccolo giardino, aiuole, portico o comunque una zona aperta molto utile per chi ha per esempio un animale domestico. 

Con i vantaggi, però, arrivano anche degli svantaggi da non sottovalutare, come per esempio la maggiore semplicità di irruzione da parte di malintenzionati. Se la casa è circondata da un semplice muretto o una recinzione, questa può essere scavalcata e l’eventuale ladro dovrebbe solo rompere una finestra o scassinare la porta per entrare quasi indisturbato.

Chi si trova in una situazione del genere, come può prevenire tale evenienza? Senza scomodare gli antifurti, il modo più semplice è dotare di griglie di metallo tutti gli accessi, in modo che per entrare sarebbe necessaria una fiamma ossidrica, molto difficile da utilizzare senza che nessuno la noti. Attenzione però, poiché le griglie di metallo devono essere piene, così da evitare che il ladro riesca a segarle con un po’ di tempo e pazienza a disposizione.

Se tale contromisura non vi soddisfa, allora l’idea di installare telecamere di sicurezza all’esterno, con sensori di movimento che vi avvisino in tempo reale, dovrebbe essere seriamente presa in considerazione.

Case al primo piano

Il discorso può essere esteso anche a case o abitazioni al primo piano. Ormai i malintenzionati sono diventati provetti scalatori e soprattutto se possedete un piccolo balconcino facilmente raggiungibile da un albero, o se il palazzo è dotato di tubi esposti particolarmente resistenti, potreste ritrovarvi uno sconosciuto in casa quando meno ve lo aspettate. 

Anche per questi utenti valgono le stesse regole preventive, ovvero sbarre di metallo posizionate nella parte esterna delle finestre e, possibilmente, una porta blindata per complicare la vita al ladro di turno. Queste sono misure basilari che dovrebbero essere adottate a prescindere dalla presenza o meno di un sistema di antifurto, il quale aumenta sì la sicurezza dell’appartamento ma offre soprattutto una tranquillità mentale quando vi allontanate da casa per più di qualche giorno.

Antifurto: quale scegliere?

Se avete deciso di dotare il vostro appartamento di un sistema di antifurto, allora dovrete armarvi di pazienza e dare uno sguardo a tutte le offerte disponibili. Ne esistono di complessi, che richiedono l’intervento di un professionista specializzato, e di più semplici che possono essere installati in una mezza giornata di lavoro.

In questa ultima categoria rientrano antifurto wireless, ovvero senza fili, per un setup immediato. In base a quanto volete spendere avrete una centralina, che gestisce tutti i dispositivi, e vari sensori e telecamere da posizionare in giro per casa. Alcuni, inoltre, permettono anche di ampliare il repertorio di dispositivi, aggiungendone di ulteriori in base alla compatibilità. 

Se avete un budget elevato vi consigliamo di scegliere questi ultimi poiché, anche qualora cambiate casa spostandovi in un’abitazione più grande, potrete portare con voi l’intero antifurto acquistando semplicemente delle telecamere in più o dei sensori di movimento aggiuntivi, senza dover acquistare tutto da capo.

Se dopo aver visto i prodotti venduti online non sapete ancora quale antifurto per casa scegliere, potete dare un’occhiata alla nostra classifica, dove prendiamo in esame tutti i migliori dispositivi in vendita sul mercato. Grazie alle nostre recensioni riuscirete a farvi un’idea precisa e selezionare il prodotto più adatto alle vostre esigenze.

Antifurti finti

Per spendere poco, alcuni consumatori optano anche per degli aggeggi che sembrano antifurti solo per la loro forma. ma all’interno sono completamente, o quasi, vuoti. Per ingannare meglio, alcuni sono dotati di un LED lampeggiante alimentato da una semplice pila sostituibile quando se ne presenta la necessità. 

Sebbene sia un azzardo, potrebbe rivelarsi una scelta a basso costo per chi non ha nulla di valore in casa e vuole semplicemente evitare che terzi entrino nel proprio appartamento causando danni di varia natura.  


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.