CASTEL DI LAMA – Si aggrava la posizione del ragazzo arrestato ad inizio febbraio in Puglia, dopo un’azione scellerata compiuta nel Teramano.

Parliamo del 30enne di origine albanese, residente a San Benedetto, che aveva ingaggiato un conflitto a fuoco con i Carabinieri a Colonnella e fuggito prima con uno scooter e poi con una Mercedes, mezzi rubati a cittadini incontrati durante la fuga. Fu poi individuato e arrestato a Brindisi.

Qui i nostri articoli

Sparatoria a Colonnella, criminale ancora in fuga. Ritrovata ad Appignano del Tronto la Mercedes rubata

Arrestato il fuggitivo di Colonnella. Era a Brindisi

Nella serata di ieri, 27 marzo, i Carabinieri della Stazione di Castel di Lama, comandata dal Luogotenente Gianni Belardinelli, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere (emessa dal Gip del Tribunale di Ascoli Piceno su richiesta della locale Procura che ha diretto e valutato positivamente le accurate attività investigative dell’Arma) a suo carico.

L’uomo, travisato da passamontagna e armato di una pistola semiautomatica, il 21 gennaio scorso aveva tentato di rapinare una nota tabaccheria di Castel di Lama non riuscendovi per la prontezza del figlio del titolare che azionò il dispositivo antirapina con fumogeni causando la fuga del malfattore. Le immediate indagini condotte dai militari della Stazione che hanno acquisito le immagini delle telecamere degli impianti di sorveglianza sia della tabaccheria che di altri nei pressi nonché raccolto informazioni dai testimoni, hanno permesso di avere subito chiaro l’identikit del soggetto.

L’uomo qualche giorno dopo, appunto, assieme ad una donna, aveva compiuto altra tentata rapina a mano armata in un esercizio commerciale di Colonnella ingaggiando un conflitto a fuoco con i Carabinieri del posto.

Gli investigatori dell’Arma sono riusciti a raccogliere prove chiare ed univoche attribuendo i due gravissimi episodi alla stessa matrice, giungendo così ad arrestare il 30enne, già ristretto nel carcere di Brindisi per la tentata rapina e la conseguente sparatoria di Colonnella.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.