GROTTAMMARE – La raccolta fondi per la salvaguardia della Videoteca comunale, promossa dall’associazione culturale Blow Up di Grottammare, è andata a buon fine.

Di seguito le parole di ringraziamento dell’associazione verso quanti hanno permesso il raggiungimento del traguardo.

“Veni, vidi, vici”, ossia “Venni, vidi, vinsi”, è la frase con la quale, secondo la tradizione, Gaio Giulio Cesare annunciò la straordinaria vittoria riportata il 2 agosto del 47 a.C. alla quale, noi di Blow Up, ci siamo ispirati per la campagna di raccolta fondi “una Videoteca a Grottammare”, affinché non andasse perduta e dispersa… e ce l’abbiamo fatta!

Grazie a voi abbiamo vinto e Dona Vedi Dici ha raggiunto il suo obiettivo! 

Grazie a tutti! Siamo riusciti nell’impresa!

Grazie infinite per averci sostenuto così numerosi e così velocemente, nonostante il periodo difficile che tutti stiamo vivendo… Blow Up ha chiamato e il territorio e la sua gente hanno risposto, e di questo siamo estremamente felici e orgogliosi…Vuol dire che il nostro amore per la cultura (in particolare quella cinematografica, ma non solo!) e la passione che da 25 anni mettiamo nel fare le cose nel territorio, sono passati e passano, sono arrivati e arrivano forti…

Un ringraziamento particolare a coloro che hanno donato all’impresa le loro energie e le loro competenze professionali: Alice Zazzetta, che ha realizzato il video promozionale, Sandro Bocci, che ha curato la fotografia durante le riprese del video, gli amici del gruppo teatrale Aoidos guidato da Vincenzo Di Bonaventura, che hanno partecipato come comparse nel video, Giulia Volponi, che ha elaborato la parte grafica, Valeriano Migliorati, che ci ha seguiti nella azione legale e nella trattativa, Andrea Mattioli, il nostro mago delle piattaforme di crowdfunding.

Il primo pensiero dopo questo straordinario successo non può che andare agli amici della Federazione Italiana Cineforum di Bergamo, che ci hanno sostenuto con entusiasmo fin da subito, nonostante da settimane la loro città stia vivendo una tragedia immane legata all’emergenza del nuovo Coronavirus Covid-19.

Poi, il pensiero va a tutti i nostri amici, soci e frequentatori storici, nostri sostenitori da sempre che hanno donato e hanno fatto donare, agli amministratori della Città di Grottammare che fin dalla fondazione di Blow Up, nel settembre del 1995, ci danno la possibilità di esprimerci e di fare cultura come piace a noi e a tutte le persone che numerose seguono le nostre iniziative e le considerano ossigeno puro che riempie i polmoni e nutre l’anima.

Grazie infinite per averci fatto raccogliere la somma necessaria all’acquisizione del materiale audiovisivo, con quasi un mese d’anticipo rispetto alla scadenza della campagna di crowdfunding prevista per il 15 aprile… campagna che ovviamente continuerà fino a quella data e che ci vedrà utilizzare tutto il denaro che arriverà per far fronte alle spese organizzative della campagna stessa (le spese promozionali, i gadget, ecc.) ma soprattutto per l’acquisto di potenti e prestanti hard disc esterni con cui effettuare l’ambizioso e titanico processo di conservazione e backup del materiale audiovisivo, per le risorse umane che si occuperanno di suddetto processo, del lavoro di ricatalogazione e ripristino del servizio prestiti della Mediateca Comunale/Archivio Audiovisivo, che ci vedrà impegnati con i Servizi Sociali e i Centri per l’Impiego, quindi con delle borse lavoro, attraverso i bandi over e under 30, con il Servizio Civile Nazionale e con le scuole del territorio attraverso Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (ex Alternanza Scuola-Lavoro).


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.