ASCOLI PICENO – Nota stampa della Cgil, della Funzione Pubblica Cgil e Filcams Cgil Ascoli Piceno in merito alla situazione coronavirus nel Piceno.

La Cgil, la Funzione Pubblica Cgil e la Filcams Cgil Ascoli Piceno hanno inoltrato nella giornata di ieri una lettera congiunta al Prefetto, al Direttore dell’Asur Marche e dell’Area Vasta 5 e al Dirigente del Dipartimento Prevenzione.

In seguito alle segnalazioni ricevute circa la mancanza di materiale di sicurezza le scriventi Organizzazioni Sindacali richiedono l’immediata consegna a tutto il personale dei dispositivi di prevenzioni necessari e la distribuzione costante dei kit specifici per l’assistenza diretta dei pazienti affetti da Covid-19, nella sede di San Benedetto.

Maria Calvaresi, Segretaria Generale della FP Cgil Ascoli Piceno dichiara: “Riceviamo quotidianamente segnalazioni circa la situazione degli operatori sanitari. La carenza di dispositivi di sicurezza, per tutto il personale e ancora di più la carenza dei kit specifici per quello maggiormente esposto è per noi intollerabile. Per questo abbiamo scelto di scrivere tale comunicazione urgente. Abbiamo richiesto, inoltre, che si effettuino subito tamponi preventivamente su tutto il personale dell’Area Vasta 5. Ci sembra necessario ai fini della salute degli operatori e di tutta la cittadinanza”.

‘Dopo numerose segnalazioni inviate in forma scritta e verbale, rimaste pressoché inascoltate – dichiara Luana Agostini, Segretaria Generale della Filcams Cgil Ascoli Piceno – ci troviamo costretti ancora una volta a chiedere, con maggiore forza, di tutelare la salute delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati negli appalti presso gli Ospedali. Il lavoro svolto dai lavoratori degli appalti, in particolare quelli impiegati nei servizi di pulizia, troppo spesso viene considerato secondario, mentre è strettamente legato a quello delle strutture ospedaliere stesse, e ne consente il pieno funzionamento e l’igienizzazione degli ambienti. Pretendiamo la tutela della salute di questi lavoratori, per la maggior parte donne, e la tutela del loro prezioso lavoro grazie al quale si garantisce anche la tutela della salute dei malati e di tutta la collettività.”

Conclude Barbara Nicolai, Segretaria Generale della Cgil Ascoli Piceno: “Le nostre sono richieste di buon senso. E’ doveroso ringraziare in questo momento le operatrici e operatori, e tutti i lavoratori coinvolti in prima linea contro virus, ma è ancor più doveroso dare seguito a questi ringraziamenti e mettere tali lavoratrici e lavoratori nelle condizioni di operare nella massima sicurezza. Proprio per questo abbiamo fatto presente che un eventuale mancato riscontro, rispetto alle nostre richieste, comporterebbe per noi l’obbligo di agire in tutte le sedi a nostra disposizione al fine di tutelare la salute di operatori e cittadini.”

 

Avevamo segnalato già la situazione in questo articolo

“Noi infermieri senza mascherine Ffp2 e Ffp3”. In ospedale c’è paura: “Fornitele tempestivamente”


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.