SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non si ferma l’impegno delle autorità riguardante l’emergenza Coronavirus. 

Sia lungo la costa sia nell’entroterra Polizie Locali e Forze dell’Ordine in azione a presidiare spostamenti in macchina ma anche a piedi nella giornata del 16 marzo.

Molti i primi cittadini che rinnovano l’invito ad uscire solo per lavoro, salute e impegni urgenti e di rimanere nelle proprie abitazioni tramite note vocali su WhatsApp.

A Grottammare una quarantina di persone identificate con regolare autocertificazione e strade comunque poco trafficate. La Municipale agirà anche in serata fino a tarda nottata per verificare la situazione inerenti agli spostamenti e ai mezzi, o persone, in transito.

I controlli a San Benedetto procedono regolarmente senza particolari criticità. Nella mattinata sono state ritirate oltre 30 autocertificazioni e controllati oltre 70 esercizi commerciali dalla Polizia Locale. I conducenti dei veicoli sono prevalentemente diretti o rientranti dai posti di lavoro ovvero in circolazione per motivi sanitari o per altre necessità (spesa e assistenza malati in particolare). La Protezione Civile, tramite megafono applicato su un mezzo, gira per le vie della città a diffondere il messaggio fonico del sindaco Pasqualino Piunti: “Restate a casa”.

Qui il video diffuso dal Comune

Dal primo pomeriggio la Protezione Civile sta diffondendo l'appello del Sindaco affinché si resti tutti a casa

Gepostet von Città di San Benedetto del Tronto am Montag, 16. März 2020

Anche a Centobuchi e Monteprandone strade poco trafficate e poche persone in circolazione. Il sindaco Sergio Loggi ha “bacchettato” coloro che si dirigono nelle tabaccherie per giocare al Lotto, Superenalotto o con i Gratta&Vinci ricordando che queste strutture sono rimaste aperte soltanto per vere necessità come, per esempio, i pagamenti delle bollette. La Polizia Locale prosegue nei controlli e oggi ha provveduto a girare per le vie trasmettendo con un megafono, applicato su una pattuglia, un messaggio fonico: “Restate a casa, uscite solo per vere necessità”.

Speriamo che la cittadinanza picena, e non solo, recepisca ancora di più il messaggio: non si deve abbassare la guardia, bisogna rispettare le regole per tutelare la salute di tutti, in particolare di anziani e soggetti deboli.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.