PORTO SANT’ELPIDIO – Il 18 novembre 2016, quattro soggetti travisati ed armati di pistola perpetravano una rapina all’Ufficio Postale di Porto sant’Elpidio.

Il personale della Polizia di Stato, intervenuto per l’accertamento del grave reato, non poteva far altro che raccogliere ogni utile elemento di prova, tra i quali alcune impronte verosimilmente riconducibili ai rapinatori e successivamente procedeva alle analisi tecniche su una autovettura rinvenuta nelle vicinanze dell’Ufficio Postale, quasi certamente utilizzata dai rei. Ma, in mancanza di impianti di videosorveglianza cittadina e delle attuali tecniche investigative forensi in continua evoluzione, non era possibile collegare le tracce rinvenute ad alcun soggetto.

Ma il personale della Polizia Scientifica di Fermo non si è mai arreso.

Costantemente vengono riaperti i “fascicoli” dei cold case per riesaminarli e poter rivalutare gli elementi raccolti alla luce delle innovazioni tecniche a disposizione.

E, per la rapina del 2016, è stato ottenuto un altro successo.

Infatti, le tracce rilevate più di tre anni fa, sono state recentemente trattate con le nuove modalità di investigazione scientifica, grazie alle quali sono state rilevate alcune cellule epiteliali, analizzate dagli Uffici centrali della Polizia di Stato, con esito positivo per il collegamento delle stesse con il profilo genetico di un soggetto trentenne proveniente da una regione del Nord Italia.

La presenza dell’uomo, nella data del reato e nei pressi del luogo della rapina, ha poi trovato conferma dalle indagini esperite dalla Squadra Mobile, che ricollegava la presenza del soggetto a Porto Sant’Elpidio, nell’ambito di accertamenti sulla prostituzione in quel comune e riconducibili a tentativi di estorsione ai danni di una peripatetica a quel tempo domiciliata nel fermano.

In sinergia con l’Autorità giudiziaria, per la concretezza degli elementi di reità, il soggetto individuato è stato rinviato a giudizio, alcuni giorni fa, per la rapina e sono in corso gli ulteriori accertamenti per risalire alla identificazione dei suoi complici.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.