Avete acquistato parecchi anni fa la vostra cucina e vorreste rinnovarla, ma il costo di una nuova è abbastanza proibitivo per voi? Si tratta di una problematica molto comune, che però può essere aggirata trovando una soluzione alternativa a un nuovo acquisto.

In questo modo sarà anche possibile evitare un’operazione tanto dispendiosa come lo smaltimento dei vecchi mobili: vediamo insieme come realizzare questo vostro desiderio.

 

Un tocco di stile

Partiamo dalla base, ovvero dal modificare l’aspetto esterno: sul mercato troverete davvero molte soluzioni, che vanno dalla pellicola adesiva alla carta da parati e fino ai pavimenti in laminato, che non richiedono molta scienza per essere posizionati.

Per quanto riguarda i mobili, potranno essere rivestiti appunto con pellicola, che ne cambierà la finitura, facendoli apparire come appena acquistati. Potrete poi posizionare la carta da parati oppure dipingere le pareti di un colore diverso, che si intoni con lo stile che avete pensato di adottare.

Il pavimento è un altro grosso problema: certamente chiamare un piastrellista e in più acquistare pezzi da porre a terra avrà un grosso impatto sul vostro budget. Una soluzione, come dicevamo, è il laminato, che può anche essere scelto in simil parquet e che non comporta molte difficoltà per essere posizionato correttamente.

 

Come rivestire i mobili

Ci sono varie soluzioni in merito: molto dipende da quanto siete intenzionati a spendere o dal budget che avete a disposizione. Se potete investire qualcosa in più, è possibile contattare un falegname specializzato, che può verniciare e laccare i vostri vecchi mobili, così da farli apparire come appena acquistati.

Una tecnica molto utilizzata è il wrapping, ovvero il rivestire il mobile in modo tale che sembri nuovo. Questa metodologia è stata impiegata ampiamente nelle carrozzerie, per rendere come nuove le automobili e, successivamente, si è estesa anche all’arredamento.

Grazie quindi all’impiego di pellicole adesive, di vari colori e fantasie, è possibile trasformare completamente un mobile e fargli avere lo stile che desideriamo. Questa tecnica può essere utilizzata per ogni tipo di arredamento, quindi per armadi, sedie, tavolini e così via.

 

Da soli o no?

Sarà possibile acquistare il rivestimento anche da soli e provvedere ad applicarlo in maniera corretta oppure, se non si vuole rischiare di combinare un guaio, potrete rivolgervi a una delle tante ditte specializzate che offrono questo servizio.

Possiamo però darvi qualche dritta sul fai da te: prima di tutto, assicuratevi che le ante dei mobili siano in condizioni tali da poter lasciare aderire la pellicola. Questo vuol dire che il vecchio impiallacciamento non si deve staccare, a causa di rigonfiamenti o infiltrazioni, altrimenti sarà impossibile eseguire l’operazione.

Parlando di costi, quanto sarà la spesa da affrontare? Certamente risparmierete molto con il fai da te, visto che le pellicole di rivestimento hanno un costo medio che si aggira attorno ai 30/35 euro per metro quadrato.

Se, invece, optate più per la verniciatura con tanto di laccatura, il costo può raggiungere e superare i 200 euro per metro quadro: una cifra che, a meno che non abbiate mobili di pregio, vale più la pena spendere per un prodotto nuovo di zecca.

 

Il tavolo e le sedie

Forse non ci avete pensato, eppure anche questi mobili possono essere rinnovati totalmente grazie a un intervento personale: sarà infatti possibile per voi riverniciare il tavolo con le sedie, mettendoci un tocco in più di vostro.

Una volta che avrete deciso di che colore rivestire la cucina, potrete modificare l’aspetto degli altri pezzi di arredamento: toni chiari o scuri, decorazioni che potrete ottenere anche con gli stencil e così via, se amate creare e rinnovare tutto da soli.

Per rendere più comode le vecchie sedute potrete optare per il miglior coprisedie tra quelli disponibili sul mercato: colorati, più imbottiti, con o senza laccetti, per dare un imprinting molto personale alla vostra cucina.

 

Quel qualcosa in più

In base allo stile che avrete scelto, potrete anche selezionare tende, tovaglia e accessori che si intonino con il resto. Per esempio, se preferite lo shabby chic, via libera a cuori, stoffe a quadretti e incisi romantici, che si accompagnano a mobili marroni o panna.

Se invece avete optato per toni più eccentrici, come il rosso, non sarà facile trovare tutto il necessario nella stessa tonalità. attenzione però a quelle scure, come il nero, che richiedono un po’ di luce in aggiunta, che può essere data da un lampadario o un punto luce ad hoc.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.