Siete novizi del campeggio e non volete trovarvi impreparati? Probabilmente avete bisogno di sapere cosa non deve mai mancare nello zaino e in macchina, non solo per vivere l’esperienza in tranquillità ma anche per approfittare dell’occasione per godere della natura.

Ecco qui alcuni suggerimenti per essere pronti all’avventura!

Il necessario per la notte

Il primo pensiero deve andare sicuramente al momento in cui dovrete dormire: quale giaciglio potete preparare e qual è il migliore? Chi è un provetto esploratore, potrà costruire una tenda usando un telone e dei rami: forse una soluzione un po’ troppo complicata per chi non ha invece esperienza in materia.

Se avete intenzione di rimanere almeno per una settimana nello stesso posto, l’idea vincente è una tenda canadese, solida e sicura, da montare con i classici picchetti in metallo nel terreno. Questo modello è indicato per chi ha bisogno di molto spazio, perché può contenere molto più del semplice zaino, ma di contro è pesante da portare.

Quindi, se dovete spostarvi di frequente non è questa la soluzione giusta: molto meglio una di quelle facili da montare e smontare, come le Quechua, che basta lanciare per fare in modo che si apra in automatico. Il vantaggio sta non solo nella praticità ma anche nella possibilità di scegliere un modello ampio, che ospiti anche due o tre persone.

Chi va in campeggio in compagnia e vuole portare con sé una sola tenda, può optare invece per quella a casetta, che riproduce appunto una vera e propria casa in miniatura e che consente di vivere al meglio l’esperienza in più persone.

Una volta scelto il modello desiderato è importante procurarsi uno o più sacchi a pelo per la notte. Se vi recate in zone molto fredde meglio optare per una avvolgente, che quindi non permetta agli spifferi di entrare.

Una soluzione più comoda è invece un materassino, a uno o due posti, che permetta di stare su una superficie più morbida e che isoli per bene il freddo del terreno. Preferite il materiale floccato, simile al velluto, per una sensazione piacevole durante la notte.

 

L’illuminazione

Un fattore davvero importante è la presenza delle luci giuste, che permettano di vedere dove andate anche a notte fonda. In questo caso vanno bene le torce, sia quelle tascabili, sia quelle da mettere in testa, meglio se a LED, in quanto consumano di meno.

Se sostate in un’apposita area da campeggio, inoltre, è opportuno procurarsi delle prolunghe, in modo da accedere alle colonnine disponibili, per sfruttare l’elettricità messa a disposizione.

 

Per il giorno e i pasti

Volete godere della natura stando comodamente seduti? Dovrete allora acquistare una buona sedia da campeggio: un esempio di modelli validi potete trovarlo su siti come 2nomadi.it, che comparano le caratteristiche e i prezzi, per farvi scegliere il prodotto più valido.

Lo stesso vale per un tavolino, che dovrà essere pieghevole, e tutto l’occorrente per cucinare, dagli utensili alle posate, piatti, bicchieri e naturalmente anche qualche sacchetto della spazzatura, per lasciare tutto pulito alla fine.

E per cucinare? Se possibile, meglio un fornello a gas portatile, che è più comodo e non ingombra. 

 

Per la pulizia

Come fare a lavare i panni senza la lavatrice? Purtroppo toccherà farlo a mano: ricordate di portare con voi anche un filo, da stendere magari tra due alberi vicini, e delle mollette. Per quanto riguarda il sapone, è meglio sceglierne uno biodegradabile che non inquini.

Per la pulizia personale, invece, se non volete o non potete lavarvi in un fiume o un ruscello, potrete acquistare una doccia portatile da tenere con voi: si tratta di un oggetto composto da un sacco, nel quale inserire l’acqua, e un rubinetto. Basterà esporre tutto al sole, in modo che l’acqua assuma una temperatura piacevole e poi appenderla con un gancio magari a un ramo.

 

Per gli imprevisti

Il kit di emergenza è sempre indispensabile, per non trovarsi in difficoltà quando si è fuori casa e accade un imprevisto. Cosa deve esserci al suo interno? L’occorrente per medicare ferite, ustioni e quant’altro, oltre a medicinali comuni, come l’aspirina, qualche antidolorifico, un antibiotico e anche un antistaminico, per evitare reazioni allergiche indesiderate.

Allo stesso modo è importante avere un kit di sopravvivenza a disposizione, completo di tutto il necessario per le emergenze. Non devono mancare quindi una bussola, un accendino, un fischietto, la torcia e una coperta termica.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.