AGGIORNAMENTI Rimandato l’incontro “La città che speriamo. Sostenibile, aperta e connessa”.

Si comunica con dispiacere che l’incontro previsto per il 15 febbraio, “La città che vogliamo, sostenibile, connessa, aperta” viene rimandato a data da destinarsi. 
La docente Elena Granata, del Politecnico di Milano, ospite dell’evento, non potrà essere presente per un piccolo incidente che non le consente di venire a San Benedetto questo sabato. Il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica della diocesi di San Benedetto, in collaborazione con la pastorale sociale del lavoro diocesana, le fa l’augurio di pronta guarigione e l’aspetta presto in città. 
Vi informeremo sulla nuova data dell’incontro. 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Appuntamento in Riviera nei prossimi giorni.

“La città che speriamo. Sostenibile, aperta e connessa” è il tema dell’incontro con Elena Granata, docente di urbanistica al Politecnico di Milano che si terrà sabato 15 febbraio, dalle ore 18 presso la sala Conferenze dell’hotel Progresso (lungomare di San Benedetto, viale Trieste 40).

L’iniziativa è promossa dal Movimento Lavoratori di Azione Cattolica (Mlac) della diocesi di San Benedetto, in collaborazione con l’Ufficio di pastorale sociale e del lavoro diocesano. 

Il Mlac e tutta l’associazione di Ac nel cammino di questo anno associativo sono guidati proprio dal verbo “abitare”, da qui nasce l’occasione di un momento a cui sono invitati tutti coloro che sono sensibili al tema della città: “L’abitare è prendersi cura delle relazioni, delle persone e dell’ambiente, non è solo questione di spazi e di consumo di suolo, ma capacità anche di guardare alla comunità e al futuro. L’innovazione può partire dalle città se sapranno essere sostenibili, aperte e connesse, dando contenuto e senso a queste parole, con una visione d’insieme della città come luogo di legami e vivibile per tutti, luogo di partecipazione e soluzioni nuove di sviluppo anche sociale e economico – affermano in una nota – La presenza della Granata, architetto e urbanista che si è occupata del tema in molti libri e nel recente ‘Biodivercity’, con storie di città come luogo di innovazione, ci aiuterà a delineare la città che noi speriamo. Un contributo per riflettere sul nostro abitare e sulle scelte che anche la nostra città di San Benedetto sta compiendo a riguardo e che ci interessano tutti”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.