FERMO – Sgominata un’organizzazione criminale dedita alla vendita illecita di sostanze stupefacenti nel Fermano, in questi giorni.

Personale della Squadra Mobile e della Volante della Questura di Fermo ha denunciato in stato di libertà un trentenne di origine libica, provvisoriamente ospitato da amici nel Comune di Porto Sant’Elpidio, il quale stava certamente organizzando una base di spaccio provvisoria, rilevando le attività ed i clienti degli spacciatori colpiti dalle rilevanti attività di contrasto condotte anche recentemente dalle forze dell’ordine nel territorio fermano.

Infatti, gli agenti di Polizia, dopo essere riusciti a localizzare la nuova base, intervenivano all’interno dell’abitazione nella quale rinvenivano prima un panetto del peso complessivo di 37 grammi di hashish, dal quale lo spacciatore stava predisponendo le dosi per la vendita, come riscontrato dalla presenza di numerosi involucri “a paracadute” per il confezionamento e successivamente un involucro termosaldato contenente grammi 2 di eroina.

Lo straniero, accompagnato per accertamenti in Questura, è risultato avere precedenti per aver utilizzato diversi alias per sottrarsi ai controlli delle forze dell’ordine ed avere già a proprio carico un recente Decreto di espulsione emesso da una Prefettura del centro Italia.

A seguito degli accertamenti l’uomo veniva segnalato alla Autorità Giudiziaria, la sostanza stupefacente e gli oggetti rinvenuti e utilizzati per il confezionamento delle dosi venivano sequestrati e gli amici ospitanti sono stati sanzionati amministrativamente per l’omissione della comunicazione dell’ospitalità all’Autorità di Pubblica Sicurezza.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.