SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In Riviera, possiamo dirlo, per molti il pranzo del primo febbraio è stato molto movimentato. Poco prima delle 13 in via Marsala si è verificato un fatto paragonabile ad un film d’azione.

Un auto, una Fiat Bravo, con a bordo tre tunisini provenienti dal Fermano, è stata prima inseguita da una pattuglia in borghese delle Forze dell’Ordine e poi, dopo lo schianto contro un mezzo in sosta nella trafficatissima via centrale del quartiere San Filippo Neri di San Benedetto, gli stranieri sono scesi dal veicolo per proseguire la fuga a piedi.

Qui il nostro articolo precedente

Inseguimento e sparatoria in via Marsala. Un arrestato, due in fuga sulla ferrovia. Non sarebbero armati

A quel punto gli appartenenti alle Forze dell’Ordine hanno sparato dei colpi di pistola in aria per intimorire i fuggitivi: uno di loro è stato bloccato mentre gli altri due sono fuggiti lungo la ferrovia vicina dopo aver scavalcato la recinzione.

Gli inquirenti hanno smentito possibili connessioni con i fatti di Colonnella e Sant’Elpidio a Mare mentre rimarrebbe calda la pista che porta alla violenta rissa avvenuta nella tarda serata del 31 gennaio a Torre di Palme. Un gruppo di ragazzi nordafricani si sarebbero affrontati con dei coltelli per una sorta di resa di conti, alcuni di loro sono rimasti feriti.

Si ipotizza il coinvolgimento dei tre nella furiosa zuffa. L’uomo fermato sarà interrogato dalla Polizia di Fermo.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.