SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’ennesimo appello alla stampa quello di Giuseppe Ricci che da oltre dieci anni combatte contro la direttiva europea Bolkestein che, da quando l’Italia l’ha recepita, ha messo in pericolo le concessioni demaniali dei balneari. “Se il Governo non interviene con un decreto attuativo, dall’inizio del 2021 rischiamo di perdere le concessioni. A quella data senza un decreto del Governo rischiamo di non avere più diritti e andiamo verso le aste”.

Cosa sta succedendo? Recentemente la delega per la questione è passata dal Ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli a quello del Turismo Dario Franceschini al cui dicastero spetterebbe stimolare il decreto attuativo della finanziaria 2018 con cui il Governo Conte I aveva previsto la famosa proroga al 2033 per l’applicazione della Bolkestein. “Vogliamo che adesso Franceschini ci riceva e il Governo si prenda le sue responsabilità, vogliamo chiarezza” dice il presidente dell’Itb accompagnato da Nello Tizzoni, titolare dello chalet “La Promenade”. “Senza il decreto i comuni non sanno che fare, alcuni hanno allungatole concessioni, altri no. Perché non c’è chiarezza”.

“Noi le aste non le faremo mai” arriva a dire Ricci, “mettiamo a rischio la sopravvivenza di migliaia di imprese balneari e famiglie che vivono con questo lavoro”. Il 3 febbraio ad Ancona, infine, la stessa Itb sulla questione Bolkestein è previsto un incontro con l’assessore regionale al turismo Moreno Pieroni,

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.