SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ultimi lavori per spostare la prua della nave Geneviève nell’area dell’ex Parco Bau vicino all’Albula. Segui la conferenza stampa. La posa sarà “inaugurata” venerdì 31 gennaio. alle ore 14. L’intervento è finanziato da Bim Tronto (30 mila euro), fondi Flaag (50 mila), comunali e sponsor privati.

Filippo Olivieri, assessore al Turismo: “Ringrazio tutti i presenti in primis il sindaco per aver sposato l’idea del mio assessorato e il comandante della Capitaneria per la sua collaborazione oltre che gli uffici comunali. Si è trattato di un percorso non semplice e finalmente portato a termine e siccome abbiamo bisogno di qualche giorno in più per la zincatura della prua, essa sarà posizionata presso l’area venerdì prossimo. I lavori saranno terminati sul posto e il manto e il camminamento saranno sistemati, dal posizionamento delle targhe agli sponsor. Quando l’area sarà terminata con le luci daremo il via ai lavori sull’anfiteatro”.

“Questo potrebbe diventare un monumento di richiamo in tutta la Regione Marche” termina Olivieri.

A sua volta il sindaco di San Benedetto Pasqualino Piunti ringrazia “la Capitaneria di Porto per la collaborazione, e i tecnici del Comune. Ho seguito la vicenda da quando ero in provincia con l’allora presidente Massimo Rossi e poi con Celani. Abbiamo fatto tante riunioni per arrivare ad una sintesi che è la più gradita a tutti quanti. Inoltre da quando ci siamo insediati quella parte della città sarà una nuova cartolina di San Benedetto: parliamo del pennello e dell’area Nuttate de Lune, a breve sostituiremo l’illuminazione dal monumento al Pescatore a tutto il Molo Sud”.

“Vi ringrazio per le belle parole – dice il comandante Mauro Colarossi – C’è una osmosi perfetta tra i nostri uffici e quelli del Comune di San Benedetto e questo è un bel modo di lavorare. Questo è un bel risultato perché rinnova il volto della città, che nasce con una economia che l’ha fatta diventare ricca nel campo del turismo e della pesca”

“Io sono molto emozionata – aggiunge la consigliera comunale Mariadele Girolami – Per la prima volta la città renderà onore a quella che è la nostra identità, con tradizioni marinare. Il progetto ha una chiave didattica e turistica. Ci saranno delle novità a livello multimediale in modo da collegare questo che diventa un vero monumento al Museo della Civiltà Marinara ma ha anche una chiave sociale perché è stato studiato che tutti possano godere di questa bellezza. Invito la marineria che ha collaborato con noi dal primo momento di essere presente. Anche la Soprintendenza è stata subito d’accordo”.

Marco Cicchi responsabile del procedimento e Alfredo Di Concetto, architetto e progettista: “In questo momento il monumento è in restauro in via Pisani, davanti allo scalo d’alaggio. Lavoro molto oneroso non tanto dal punto di vista economico ma lavorativo, svolto da maestranze locali. L’installazione verrà curata dalla ditta Laganaro Costruzioni a seguito di una gara aperta. Non si tratta di un lavoro banale anche se il costo complessivo è inferiore a 150 mila euro”.

“Il trasporto era stato programmato per giovedì 30 gennaio ma per motivi tecnici sarà realizzato venerdì 31, comunque in tempo con i finanziamenti accordati. Poi i lavori continueranno, questo è il primo stralcio con il posizionamento del monumento il secondo invece comprende l’auditorium all’aperto in fase di definizione. Questo primo stralcio finirà tra qualche tempo. Domani attraverso un comunicato stampa verranno date le informazioni precise circa le strade chiuse per lo spostamento del monumento. Sicuramente Viale Marinai d’Italia e una parte sarà deviato sul ponte dell’Albula” continua Cicchi.

“All’interno della struttura abbiamo dovuto realizzare un basamento e un pilastro interno che consentirà di tenere il monumento anche sulla terra perché la nave è nata per stare in acqua”.

Aggiunge Cicchi: “Ci sono monumenti in Italia riguardanti l’intero scafo ma non conosciamo parti di scafo, quindi è stato un intervento di ingegneria navale e architettura”.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.