SAN BENEDETTO DEL TRONTO – 1819-2019: sono trascorsi duecento anni (e oggi qualche giorno in più) dalla scrittura del capolavoro del poeta recanatese Giacomo Leopardi, la celeberrima poesia “L’Infinito“.

In occasione della ricorrenza segnaliamo una traduzione in dialetto sambenedettese dell’opera leopardiana, realizzata nel 1953 dal poeta dialettale Giovanni Vespasiani (1886-1967). Il baritono Riego Gambini, in passato già voce per canzoni dialettali sambenedettesi, ha prestato la sua voce per la poesia rielaborata da Vespasiani, intitolata L’infenite, e con sottofondo musicale ricavato da un estratto dell’Adagietto della Sinfonia N° 5 in Do minore di Gustav Mahler, ha donato una nuova vita, stavolta in digitale, all’opera.

Di seguito la versione di Vespasiani:

Sempre m’ha stata ‘n core quiste còlle

Tante remite e chesta fratta fute

Che ‘mpedisce scuprì, pe’ tanta parte,

All’ucchie anziùse l’ùteme cunfine!

Ma sedènne e guardenne nghe la mente

Me pare de vedè, da llà dai ruve

Spazie senza culore… e senza fine

Selenzie funne che ne ‘nze cuncepisce

Qujete cupe còme fusce mòrte

Dduve se sprìte, quasce, st’arma mmine!

E quanne sente mermerà lu vinte

‘N mezze a le frasche smòsse de ‘ste piante, 

Me ve’ da cunfrentà ‘lla pace eterne,

Nghe cquiste suffie vive fra le frònne!

E rècorde lu timpe che nen passe

E le staggiò, già morte, a une… a une

E cchesta, che jè vive e che m’affanne!

‘N tante mestère affòche lu pensire,

E d’affennà mm’è ddòce ‘n quiste mare!

 

E qui l’originale di Giacomo Leopardi

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s’annega il pensier mio:
E il naufragar m’è dolce in questo mare.

 

 

 

 

 

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.