ANCONA – “Con l’approvazione definitiva del decreto sisma si sono evidenziate ulteriormente tutte le crepe e le falle che fino a oggi ha avuto la guida commissariale”. Così il capogruppo di Italia Viva, Fabio Urbinati, dopo il via libera in Senato del provvedimento, che ora attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per diventare legge. “Nonostante la gestione positiva dell’emergenza – sottolinea Urbinati – sulla ricostruzione siamo ancora molto indietro, e soprattutto non si vedono svolte per l’anno a venire. Inutile procedere a colpi di emendamenti. Noi di Italia Viva abbiamo già proposto un cambio di rotta repentino, poiché crediamo che la ricostruzione rappresenti per le Marche una grandissima opportunità di lavoro e di sviluppo. Sostanzialmente vogliamo essere padroni del nostro destino”.

Secondo il consigliere regionale di Italia Viva “le procedure messe in campo presentavano criticità” già dopo la nomina di Vasco Errani e sono proseguite con la gestione successiva dell’odierno Ministro delle infrastrutture, Paola De Micheli, e con l’attuale commissario Piero Farabollini. “Non possiamo buttare la croce addosso a questo Governo – evidenzia Urbinati – poiché qualcosa di positivo in questo decreto c’è. La gestione del terremoto ha interessato tutto l’arco costituzionale dei partiti e a nostro avviso quella peggiore è stata condotta dall’Esecutivo Lega-Movimento Cinquestelle. Invito quindi la stessa Lega a non strumentalizzare la vicenda del sisma, in quanto nella prima bozza del famoso contratto sottoscritto dal Governo giallo-verde non c’era una riga riguardante le questioni del terremoto”. E ancora: “Ora ci confronteremo con i vertici e chiederemo che le risorse in campo per il sisma del Centro-Italia vengano inserite nel programma “shock” presentato a Torino da Matteo Renzi per sbloccare immediatamente tutte le procedere. Forse bisognava puntare i piedi un po’ prima – conclude Urbinati – perché non è più tempo di difendere l’indifendibile solo per amor di partito, i cittadini e le istituzioni devono venire prima”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.