GROTTAMMARE – La notizia, diffusa nella mattinata del 12 dicembre, di un’attesa riqualificazione di un’area sportiva di Grottammare ha destato in molti ricordi e anche sorrisi.

Qui il nostro articolo

Ex Sportland, attesa la riqualificazione: Grottammare chiede finanziamento a tasso zero al Credito Sportivo

Il centro sportivo Tesino, conosciuto dalla maggior parte di noi come Sportland (ora ovviamente ex), sembra che vivrà in futuro giorni migliori e un “restyling” adeguato dopo il degrado e l’abbandono di questi ultimi anni. Una bella notizia per coloro che hanno vissuto una buona parte di adolescenza, me compreso, giocando numerose partite e tornei all’interno dei campi scoperti e in quello coperto. Risate, amicizie e soprattutto ricordi. Un centro che era anche un importante luogo di aggregazione per giovani ma pure per le associazioni sportive.

“Se otterremo il finanziamento a tasso zero del credito sportivo – annuncia il Sindaco Enrico Piergallini nella nota del Comune – potremo partire con la riqualificazione di un’opera che abbiamo inserito nel nostro programma di mandato. Pazienza, però: il percorso è ancora lungo poiché dovremo sia individuare, tramite procedura con evidenza pubblica, l’impresa che realizzerà l’opera, sia individuare il gestore che avrà il compito di rilanciare la struttura”.

Le opere previste interverranno sia sulla riqualificazione edile che su quella impiantistica. In particolare: ampliamento della struttura centrale con rifacimento di tutti gli spogliatoi (dagli attuali 3 a 7), sostituzione del telo in pvc del campo indoor per ripristinare l’uso di campo polivalente per il calcio a 5, pallavolo e tennis, sostituzione pavimento sportivo interno del campo indoor, messa e norma e trasformazione degli impianti idrico-termico, elettrico e di ricambio d’ aria degli spogliatoi.

“Le linee progettuali contengono anche l’obiettivo di ottenere la certificazione della struttura da parte del Coni come impianto agonistico, per l’utilizzo nelle gare ufficiale di calcio a 5 e pallavolo” si legge sempre nella nota del Comune.

Il centro merita una nuova era e speriamo che i tempi non saranno troppo lunghi, burocrazia permettendo. Il centro merita una nuova era e deve tornare ad ospitare giovani e anche “nostalgici” come il sottoscritto.

Un altro centro che merita una nuova era è quello presente nel quartiere Ischia II, i famosi “campetti dell’Orologio”, come auspicato in un nostro articolo del 2017.

Quando i “campetti dell’Orologio” erano San Siro e Wembley per un’intera generazione

 

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.