TORTORETO – Maltrattamenti in famiglia e porto d’armi abusivo, scattano le manette per un 45enne di Tortoreto.

Ad intervenire in un appartamento della città, nella serata di giovedì 5 dicembre, sono stati i carabinieri di Alba Adriatica dopo la richiesta di una donna che, terrorizzata, aveva chiesto aiuto al 112 poiché il compagno, L.D.C, stava tentando di entrare nella casa dei genitori dove si era rifugiata per sfuggire ai continui soprusi che il 45enne, già denunciato per gli stessi motivi, era solito rivolgerle.

L’uomo era accecato da una morbosa gelosia e non permetteva alla donna di avere alcun tipo di rapporto con altre persone. La seguiva in ogni spostamento rendendole la vita un vero e proprio incubo. A quel punto la vittima ha deciso di scappare di casa e di rifugiarsi dai propri genitori. Una mossa che non è piaciuta a L.D.C che, non trovandola a casa, si è precipitato nell’abitazione in questione provando ad entrare in tutte le maniere.

Quando i carabinieri sono giunti sul posto lo hanno trovato mentre tentava addirittura di forzare una finestra dell’appartamento, situato al primo piano di una palazzina. Dopo averlo convinto a scendere, i militari lo hanno perquisito trovandogli addosso un coltello a serramanico del genere proibito. Inevitabile a quel punto l’arresto per il 45enne che ora si trova ora a Castrogno in attesa di comparire davanti al giudice.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.