SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Bolkestein in stand by. Si è svolto giovedì sera un incontro tra l’Amministrazione Comunale e una folta rappresentanza di Itb Italia, l’associazione dei balneari capitanata dal presidente Giuseppe Ricci. Oltre al sindaco Piunti, di fronte ai venti e più concessionari presenti, c’erano anche il dirigente comunale Germano Polidori, l’assessore Emanuela Carboni, i consiglieri comunali Emidio Del Zompo e Gianni Balloni.

Riguardo la direttiva Bolkestein, il punto è la proroga da concedere al 2033 rispetto alle concessioni che scadono nel dicembre del 2020. Proroga assegnata dalla Manovra Economica 2019 ma con ulteriore aumento della confusione a causa di alcune sentenze divergenti del Consiglio di Stato. “Chiediamo una soluzione entro maggio – spiega Ricci – E sempre in forza alla legge con la quale così si è deciso. Uno slittamento ulteriore sarebbe complicato perché la scadenza è imminente”.

“Abbiamo trovato molta comprensione sia nel sindaco che nel dirigente, siamo fiduciosi che presto potremo avere buone notizie. Per ora il Comune cercherà di vedere in che modo si stanno muovendo gli altri Comuni interessati dalla proroga demaniale” continua Ricci.

Riguardo gli altri temi in discussione, ovvero il Piano di Spiaggia e l’erosione, Ricci così commenta: “Sul Piano di Spiaggia occorre attendere l’indirizzo regionale il quale, tuttavia, sembra essere molto restrittivo e addirittura in caso di ricostruzione gli spazi si restringerebbero ulteriormente. Ad ogni modo qualche modifica ci sarà. Mentre per quello che riguarda l’erosione, chiediamo un intervento perché dopo la mareggiata di novembre oggi la spiaggia è spianata e il prossimo evento rischia di essere molto pericoloso”. In questi giorni inoltre il mare sta riportando sulla riva i residui delle ultime mareggiata e potrebbe prevedersi una pulizia straordinaria dell’arenile prima di Natale, anche per la presenza di grossi tronchi difficili da rimuovere.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.