SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La riorganizzazione degli uffici decisa ieri dalla Giunta presieduta da Pasqualino Piunti fa discutere. E come prevedibile a “scottare” di più è la questione De Berardinis, a cui sono state tolte le competenze in materia di società partecipate. Proprio la delibera curata da De Berardinis, che riportava sotto il controllo pubblico e la Legge Madia la Picenambiente, diede il là a una lunghissima polemica politica dell’opposizione contro l’amministrazione, accusata di non volere il controllo della partecipata, polemica durata fino a poche settimane fa, cioè quando l’11 novembre il Tar ha annullato la delibera in questione.

A commentare la riorganizzazione è Rosaria Falco. “Ma che bella riorganizzazione comoda comoda, togliere di mezzo lo scomodo De Berardinis, che stava e preparando il ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar, che ha annullato la delibera sul controllo pubblico su Picenambiente?” scrive sui social la consigliera d’opposizione. “Non è che alla fine vorreste impedire questa impugnazione dovuta no? Ci riserviamo ogni opportuna valutazione ma ad occhio avete appena portato a termine l’ennesima enorme schifezza finalizzata a paralizzare l’inevitabile. Complimenti, coerenti fino alla fine sulla strada verso il burrone…a spese pubbliche ovvio” la frase durissima di Falco.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.