MARTINSICURO – Nove misure di custodia cautelare in carcere: cinque uomini e quattro donne, di nazionalità nigeriana, nei guai.

L’operazione “The Travellers”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia de L’Aquila e svolta alle prime ore del 2 dicembre dalle Squadre Mobili di Teramo, Ascoli, Fermo, Macerata e dal Reparto Prevenzione anticrimine di Pescara, ha eseguito i provvedimenti emessi dal Gip dell’Aquila.

Qui l’articolo precedente

Prostituzione e sfruttamento, vasta operazione della Polizia nel Teramano e non solo

I nove dovranno rispondere di associazione a delinquere finalizza alla commissione dell’illecita intermediazione finanziaria, autoriciclaggio e riciclaggio trasnazionale nonché il reato di tratta di essere umani. Questa operazione fa seguito a quella fatta qualche tempo fa per favoreggiamento prostituzione, immigrazione clandestina e sfruttamento tra Marche e Abruzzo di giovani ragazze lungo la Bonifica del Tronto: all’epoca furono arrestate sei persone, cinque donne e un uomo.

Stavolta la banda criminale era dedita al riciclaggio ed all’autoriciclaggio verso la Nigeria (attraverso viaggi in aereo) di ingenti somme di denaro nascoste all’interno provenienti dallo sfruttamento sessuale di donne nigeriane e da altre attività illecite.

Gli arrestati risiedono a Fermo, Civitanova Marche, San Benedetto, Martinsicuro, Porto Sant’Elpidio, Corropoli e Castiglione dei Pepoli nel Bolognese. Due di loro sono stati fermati all’aeroporto di Fiumicino e al casello di Teramo dell’A24. Uno dei fermati risulta, al momento, irreperibile.

COME AGIVA L’ORGANIZZAZIONE CRIMINALE, IL MODUS OPERANDI La banda era edita al riciclaggio ed all’autoriciclaggio verso la Nigeria, attraverso viaggi in aereo, di ingenti somme di denaro, abilmente occultate all’interno dei bagagli al seguito, provenienti dallo sfruttamento sessuale delle predette giovani donne nigeriane e da ulteriori attività illecite. Gli indagati, alcuni dei quali hanno concorso anche nel reato di tratta, erano consapevoli della provenienza delittuosa del denaro che veniva loro consegnato o direttamente dalle giovani vittime o dalle loro madame che le ospitavano nelle proprie abitazioni situate a Martinsicuro e nelle Marche, L’illecito trasporto veniva svolto dietro un compenso pari ad una percentuale della somma che il committente vuole far recapitare in Nigeria percentuale che diminuisce al crescere della somma consegnata.

Si è accertato come il denaro che il committente vuole far arrivare in Nigeria, viene previamente e poco tempo dopo dalla richiesta, anticipato al destinatario su base fiduciaria, dall’Havaladar che si trova in Nigeria che ne rientrerà in possesso solo dopo che Havaladar che opera in Italia gli porterà il denaro raccolto in questo paese dagli ordinanti. Nello specifico all’interno della predetta associazione criminale alcuni dei membri svolgono il ruolo di collettori ossia di coloro che ricevono dai committenti dapprima l’incarico (principalmente tramite contatto telefonico o Sms) e poi materialmente il denaro che si intende inviare in Nigeria. Il collettore successivamente, anche a brevissima distanza di tempo (generalmente tramite Sms o messaggio Whatsapp) fornisce al committente un codice identificativo numerico o alfa numerico che servirà al destinatario in Nigeria per poter ritirare subito il denaro (in “natta” – valuta nigeriana) dal corrispondente in Nigeria dell’associazione.

Vi sono poi membri dell’associazione con il precipuo ruolo di corrieri ossia di coloro che provvedono a ritirare materialmente dai loro dipendenti collettori le somme di denaro consegnate, dai committenti per il loro trasporto in Nigeria con viaggi aerei. Tale denaro, una volta giunti a destinazione viene consegnato al gestore dell’Ufficio in Nigeria (gestito da familiare o fiduciario) che si è occupato della preventiva consegna al destinatario.

Come detto, gli appartenenti al sodalizio trasportano abitualmente in Nigeria, sempre per via aerea, non solo il denaro frutto dello sfruttamento sessuale, ma anche somme di denaro (di provenienza più o meno illecita) consegnato loro da numerosi connazionali, dimoranti nelle Marche ed in Abruzzo, il tutto in violazione delle norme in materia di raccolta del risparmio e di intermediazione finanziaria. Il meccanismo è consolidato su scala nazionale e comporta il trasferimento illecito di imponenti somme dall’Italia verso la Nigeria.

Solo nel corso dei controlli effettuati con la collaborazione della Polizia di Frontiera e dell’Ufficio delle Dogane presso l’aeroporto di Fiumicino, sui “corrieri” dell’associazione prima che si imbarcassero per voli diretti in Nigeria, gli stessi sono stati trovati in possesso di oltre 400 mila euro. Nel corso dell’indagine (meno di un anno) i corrieri indagati si sono complessivamente recati in Nigeria circa 100 volte per trasportare illecitamente i soldi consegnatigli dai committenti ne consegue che secondo una stima indicativa la somma illecitamente trasportata in Nigeria corrisponde a 7 milioni 500 mila euro.

Proporzionando queste cifre al fenomeno nazionale si ricava un flusso impressionante di denaro (in parte proveniente dallo sfruttamento sessuale delle giovani donne vittime di tratta, ma anche da altri gravi reati posti in essere da tali sodalizi) che viene trasferito in Nigeria al di fuori dei canali finanziari tradizionali per essere poi immesso nel paese Africano in circuiti bancari locali e/o per giungere, ormai ripulito, nelle mani delle organizzazioni criminali che li utilizzeranno per successive attività illecite o investimenti.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.