SANTURRO 6 Nel primo tempo si fa trovare pronto su alcune conclusioni – anche se non irresistibili – degli imolesi. Nella ripresa non deve compiere interventi di rilievo, forse poteva rischiare l’uscita sul gol dei padroni di casa.

RAPISARDA 7 Non sbaglia niente in fase difensiva ed è animato da una vivacità importante, tanto da diventare l’elemento capace di avviare la maggior parte delle azioni offensive rossoblu. E infatti è premiato con il gol del vantaggio rossoblu.

GEMIGNANI 6 La catena di sinistra, solitamente molto propulsiva, ad Imola appare contratta, non si capisce se per scarsa vena dei protagonisti rossoblu o per la particolare attenzione degli avversari. Così il furetto della fascia sinistra si fa notare più per alcuni ottimi recuperi difensivi che per le proiezioni in attacco.

BIONDI 6,5 Prima della partita Montero scherzava coi giornalisti, perché riteneva intoccabile Biondi. Il difensore ripaga la fiducia dimostrando ancora una volta di essere un centrale aggressivo indispensabile a questa Samb.

CARILLO 6,5 Preferito a Di Pasquale per far coppia con Biondi (entrambi mancini) conferma anche lui le qualità fin qui mostrate, non commettendo mai un errore. Infatti l’Imolese, ad eccezione di un paio di conclusioni dalla distanza, non è mai riuscita ad infastidire i due centrali.

ANGIULLI 6 Sta vivendo un momento di appannamento dopo l’eccezionale avvio di stagione, forse complici i campi adesso più pesanti o forse per il fatto che il gioco della Samb è più conosciuto e gli allenatori avversari cercano di imbrigliarlo per bloccare la fonte del gioco rossoblu. La sua prestazione comunque è pienamente sufficiente.

ROCCHI 6 Ancora un infortunio per il giovane centrocampista, che quest’anno ha avuto una stagione sfortunatissima. Nella mezz’ora in cui è in campo sbaglia qualche volta i tempi del pressing ma ad ogni modo è la solita mosca tze-tze che non lascia respiro ai centrocampisti avversari.

GELONESE 6 Entra al posto di Rocchi e il suo compito è quello di rompere l’azione dell’Imolese. Il lavoro gli riesce abbastanza bene e non commette troppi errori in fase di appoggio. Forse poteva fare qualcosa di più in occasione del gol del pareggio di Vuthaj.

FREDIANI 6 Non gli riesce il gioco degli inserimenti centrali né lo scambio di posizione con Di Massimo, che spesso crea grandi problemi agli avversari. Svolge quindi una gara più di contenimento che di offesa.

DI MASSIMO 6 Molti passi indietro rispetto al suo rendimento delle ultime gare. Nel primo tempo non entra proprio in partita, va meglio nella ripresa quando ha qualche spunto interessante ma la sua gara è ben al di sotto delle sue possibilità. Sufficienza di stima, 6 meno.

ORLANDO 6 Anche lui, dopo l’ottima partita di una settimana fa, non riesce a ripetersi e resta impelagato nel tran tran della gara.

VOLPICELLI 6,5 Di nuovo come centravanti, cerca di fare quel che può. Quando entra Cernigoi si sposta sulla corsia destra e lì dimostra ancora di essere in uno stato di forma invidiabile. Palla al piede è inarrestabile.

CERNIGOI 6 Rientra nella fase finale al centro dell’attacco e si fa notare per alcune buone giocate di sponda.

MICELI s.v.

 

MONTERO 6,5 Prova a disegnare la solita Samb propositiva ma ad Imola, specialmente sull’asse Gemignani-Frediani-Di Massimo, le cose non funzionano come sperato. Dopo un primo tempo così così, i rossoblu partono bene, segnano e continuano senza soffrire particolarmente. Stavano per portare a casa una vittoria non spumeggiante ma non immeritata, poi arriva il patatrac finale, quasi simile a quello di Reggio Emilia: quattro punti persi nei minuti finali e una classifica che ne risente parecchio. La Samb continua comunque a pagare i pochi ricambi dalla panchina: per questo ci attendevamo l’ingresso di Miceli qualche minuto prima, per ribilanciare una squadra per sua natura offensiva (quattro giocatori offensivi). Rapisarda è stato costretto a commettere fallo proprio su una ripartenza subita.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.