MONTEPRANDONE – “Ci risiamo!”. Così si apre la nota del sindaco di Monteprandone, Sergio Loggi, nel denunciare un altro caso di abbandono illecito di rifiuti lungo le strade del comune.

“Questi neon sono stati abbandonati in via Circonvallazione Sud da una persona che non solo, non ha senso civico, ma è anche ignorante, nel senso che non sa come trattare questo tipo di rifiuti – afferma duramente il primo cittadino –  I neon o tubi fluorescenti sono rifiuti Raee di piccole dimensioni e, come Pc, tablet, telefoni, tastiere, stampanti, mouse, asciugacapelli, trapani, radio, radiosveglie, frullatori, lampade di tutti i tipi, vanno conferiti direttamente in discarica dal cittadino“.

Sergio Loggi aggiunge: “La discarica comunale si trova in via dell’Industria, dopo il cavalcavia dell’Ascoli-Mare, ed è aperta ogni sabato, dalle 7 alle 13. Di fronte a conferimenti errati come questo, il Comune deve far intervenire PicenAmbiente. Questi servizi straordinari hanno però un costo in più, rispetto al servizio ordinario di raccolta. Costo che grava su tutti i cittadini. Non è accettabile che, per colpa di uno, paghi tutta la comunità”.

Loggi dichiara: “I cittadini di Monteprandone sono virtuosi in tema di raccolta differenziata e da anni, grazie agli sforzi compiuti dalla collettività, ricevono il premio Comune Riciclone da parte di Legambiente Marche. Non lasciamo che l’errore di pochi, annulli l’impegno di molti“.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.