SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A 24 ore dalla sfida del Riviera contro la Feralpisalò Paolo Montero incontra la stampa. Lo fa dopo la brutta sconfitta di Bolzano, una delle peggiori prestazioni per la Samb che adesso è costretta a rispondere. Di fronte però una squadra importante: “Sono cinici, d’esperienza, bravi a ripartire e noi dovremo essere intensi ma anche attenti e intelligenti sulle marcature preventive” spiega il mister che prosegue: “Ma tutto dipende dal campo e quindi questi discorsi diventano inutili se, come pare, pioverà e potremmo essere costretti a palle lunghe, seconde palle, rimpalli”.

Montero però non dimentica la gara ocntro il Sutirol: “Veniamo dall’insegnamento di domenica e quindi siamo pronti a due strategie a seconda del terreno di gioco che ci sarà”. Il mister si aspetta un cambio di passo caratteriale dei suoi? “No, non mi aspetto risposte particolari, questi giocatori sono sempre andati via tra gli applausi quindi non devo cambiare il loro atteggiamento”.

La squadra dunque c’è ma Montero è consapevole dell’importanza della vittoria: “I risultati comandano il calcio e so bene quanto per i latini vincere sia più importante di tutto, condiziona l’umore della gente. Io, per esempio, non vado da 20 giorni al supermercato perché mi vergogno”.

Montero resta positivo però e, dopo aver chiarito che giocherà Rocchi (“solo Cernigoi va valutato per un piccolo problema che gli sta dando una vecchia cicatrice”), ammette: “Sento nella pelle che è un’annata buona. Dobbiamo solo migliorare alcune cose, giocare più semplici, migliorare il gioco in ampiezza”.

 

 

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.