SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cerchi rossi sulla Google Maps del quartiere Salaria: martedì scorso, nell’ambito degli incontri programmati dalla Giunta con i comitati di quartiere, il direttivo assieme al presidente Marco Laudi ha incontrato il sindaco Piunti e gli assessori.

I cerchi rossi riguardano aspetti già da tempo approfonditi anche da questo giornale: la Caserma Guelfa, tutt’ora puntellata e con la strada via Caserma Guelfa ancora chiusa al traffico, e l’ex Autostello Agip di via Nazario Sauro.

Per il quale, già nel 2009, questo giornale cercava di capirne di più, a distanza di circa 8 anni dalla sua chiusura: “Il degrado che se ne va: bonifica e demolizione per l’ex autostello” titolavamo il 13 novembre 2009.

Sede di un vecchio motel Aci e di una pompa di benzina Agip, il complesso edilizio versa oggi in una situazione di degrado. Il Comune ha dato il nulla osta alla demolizione e alla ricostruzione di una struttura ricettiva con ristorante e stanze, richiesta presentata dagli attuali proprietari della Acqualeo Srl. La bonifica del terreno sottostante al vecchio distributore di benzina sarà invece a carico dell’Eni, che ha fatto preparare il progetto alla Ensr Italia e che si avvarrà della Petroltecnica Spa per i lavori” si leggeva. Dopo dieci anni, nulla di quel che era riportato si è verificato, e siamo punto e a capo.

Quartiere Salaria: “L’ex ostello così non si può vedere. Abbiamo bisogno di più sicurezza stradale”

Dal quartiere emerge la richiesta di un confronto con i proprietari per una riqualificazione dell’immobile semmai anche per un uso pubblico. Altro tema caldo è quello della Caserma Guelfa, e qui vi è l’idea di coinvolgere il Fai (di recente si è svolto un evento al ristorante Caserma Guelfa con i Giovani del Fai) per la tutela dello storico edificio in stato di forte degrado.

Caserma Guelfa e via Riva del Garda: notate le differenze

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.