SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ecchelallà. Una storia d’amore, evidentemente sfociata in un odio incompreso, quella che lega il sindaco di San Benedetto Pasqualino Piunti di Forza Italia all’ex consigliere comunale di Rifondazione Comunista, Daniele Primavera.

Non può essere che amore, quella voglia pazza di rivedersi nelle aule di un tribunale, pur per interposizione di burocrazie, carte bollate, avvocati e Pubblici Ministeri che creano quella distanza che però non può spegnere le passioni. Ecco perché Daniele Primavera dovrà ricomparire in Tribunale, nella causa intentata dal Comune di San Benedetto, nonostante l’assoluzione in primo grado (clicca qui). Per vedersi, sentirsi, ancora.

Pasqualino Piunti, sindaco ma anche cantante, si divertirà dunque a cantare, a mo’ di serenata, “Maledetto Primavera“, celebre canzone di Loretta Goggi nella quale l’amore si mescola all’odio. Basta cambiare una a con una o, e il gioco è fatto.

La crew satirica di “C’era una volta San Benedetto” l’ha immortalato per noi proprio sul palco, durante una prova. Perché se la satira è sotto attacco, con la satira bisogna rispondere. Con un sorriso. Essù.

 

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.