GROTTAMMARE – La città è pronta a vivere una giornata di sport tutta in rosa, all’insegna della solidarietà e della prevenzione.

 La SS Running Riviera delle Palme presenta la seconda edizione di “Run Donne in Rosa per la solidarietà”, che si terrà domenica primo dicembre a Grottammare.

Si tratta di una camminata di 10 chilometri agonistica, per la ricerca. Nel 2018, con 930 iscrizioni, sono stati raccolti e donati 2500 euro. Quest’anno, sono previste oltre 1100 iscrizioni.

“Siamo gli unici del Centro Italia ad aver organizzato questa camminata autorizzata dalla Fondazione Veronesi” spiega l’organizzatore della manifestazione, Mariano Vesperini.

L’iscrizione ha un costo di 6 euro per la camminata e di 8 euro per la corsa agonistica. A tuti gli iscritti sarà consegnata una maglietta e un numero personalizzato. Inoltre, tanti gadget, come palloncini e fiocchi rosa, verranno forniti dalla Fondazione Veronesi gratuitamente e dietro offerte.

Nell’ambito della fiera di San Martino sarà allestito un gazebo per la raccolta delle iscrizioni.

La partenza sarà in piazza Kursaal alle ore 9.30 e si snoderà esclusivamente lungo la pista ciclopedonale. Si arriverà al ponte Esino, per poi tornare in piazza Kursaal e arrivare fino a Cupra Marittima e ritorno.

Per l’occasione è stata realizzata una medaglia coniata e sono state realizzate delle targhe da consegnare alle società partecipanti. “Ad oggi ci sono circa 250 iscritti, mentre lo scorso anno nello stesso giorno erano meno di 100 – ricorda Vesperini – Abbiamo già 6 persone che vengono da Cattolica e un gruppo che viene da L’Aquila. Nella scorsa edizione hanno partecipato gruppi provenienti da Marche, Abruzzo, Lazio e Umbria”.

Al termine ci sarà un ricchissimo ristoro.

Ad esprimere soddisfazione e gratitudine per questa manifestazione di solidarietà il Sindaco Enrico Piergallini e l’assessore alla Salute Alessandra Biocca

L’ambasciatrice Pink della fondazione Umberto Veronesi Roberta Giammara esprime il suo orgoglio per la partecipazione all’evento e rimarca l’importanza dell’attività fisica per la riduzione del rischio di avere una ricaduta nel tumore: “Importante è il messaggio che viene lanciato alle donne: fare prevenzione. Bisogna sostenere la ricerca per salvare vite e donne. “Niente ferma il rosa e niente ferma le donne” è il motto dell’associazione”.

L’apirante pink abbassador Patrizia Mattioli si associa alle parole della Giammara, sperando di entrare a far parte del progetto “Pink is good” che, nato a Milano, potrebbe giungere a Grottammare grazie all’impegno del sindaco.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.