ALBA ADRIATICA – Ritrovato il cadavere di uomo all’interno della propria abitazione: era morto da più di 20 giorni. E’ la macabra scoperta che è stata fatta nella mattinata del 31 ottobre dai carabinieri di Alba Adriatica in una palazzina di via Cavour, nel centro cittadino.

Da tempo non si avevano più notizie di Angelo Donnamaria, 66enne originario di Manfredonia ma che da tempo si era trasferito nella cittadina albense. Il corpo dell’uomo, che non era sposato e non aveva figli, è stato ritrovato dai militari riverso a terra all’interno della camera da letto. Ad avvisare le forze dell’ordine sono stati dei vicini di casa del 66enne che hanno sentito un odore nauseabondo provenire proprio dall’appartamento al secondo piano dove l’uomo viveva.

Sul posto, oltre ai carabinieri della locale stazione, anche l’anatomopatologo Giuseppe Sciarra che ha effettuato l’ispezione cadaverica nell’appartamento escludendo la morte dell’uomo per cause violente, tesi già in parte scartata anche dai carabinieri che non avevano trovato nessun segno di effrazione in casa che potesse far pensare all’intromissione di estranei all’interno.

Dagli esami del medico legale, è emerso infine che Donnamaria era morto almeno da 20 giorni a seguito di uno scompenso cardiaco che non gli ha lasciato scampo. Da quanto ricostruito, il 66enne non ha quindi fatto in tempo a chiedere aiuto ed è rimasto in quella stanza per diversi giorni.

Dopo le formalità di rito, la salma è stata riconsegnata ai fratelli dell’uomo (non residenti in zona) per i funerali.

Una storia triste, e non è la prima in Val Vibrata, di una vita solitaria che spesso tante persone sono costrette ad affrontare nell’indifferenza e nel silenzio: non è dato sapere se qualcuno che si fosse trovato in casa con lui sarebbe riuscito a salvarlo, ma il fatto che per più di 20 giorni nessuno lo abbia cercato (come un parente o un amico) e, preoccupatosi poi per non aver ricevuto nessuna risposta, abbia fatto scattare l’allarme, lascia pensare a un vero e proprio dramma, l’ennesimo, della solitudine.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.