SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono giorni “caldi” per quanto riguarda l’A14, specialmente il tratto fermano-ascolano. I viadotti sequestrati dalla Procura di Avellino stanno creando disagi seri alla circolazione, già complicata dai cantieri stradali presenti da svariato tempo.

Qui gli articoli precedenti

A14, traffico limitato tra Marche e Abruzzo. Previsti disagi

Traffico limitato su dieci viadotti dell’A14 tra sud Marche e Abruzzo

I primi cittadini hanno chiesto una sospensione del provvedimento dal 31 ottobre al 4 novembre per agevolare il transito dei mezzi in occasione del ponte dei Santi.

Qui l’articolo

“Sospendere il sequestro dei viadotti in autostrada dal 31 ottobre al 4 novembre”

Tempo fa anche la vice presidente della Regione Marche, Anna Casini, aveva scritto ad Autostrade per l’Italia per segnalare la situazione difficile in quel tratto autostradale (incidenti molto frequenti, anche gravi) e chiesto all’ente di riferimento interventi e anche una riduzione o sospensione delle tariffe autostradali date le varie complicanze.

Qui l’articolo

Disagi sull’A14 in Riviera: “Riduzione del pedaggio e una viabilità regolare. Situazione critica in estate”

Oggi, 29 ottobre, Autostrade per l’Italia ha risposto sia al problema viadotti sia alla politica ascolana: “Viadotti, chiederemo dissequestro alla Procura di Avellino: abbiamo programma con nuove barriere al posto di quelle vecchie obsolete e non a norma. Riduzione tariffe o sospensione nel tratto fermano-ascolano? Non esistono presupposti”. Qui la lettera integrale della società.

Da Ancona, la Regione risponde ad Autostrade per l’Italia: “Vogliamo cronoprogramma”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.