TERAMO – Un’attività sospesa, sequestri, sanzioni e prescrizioni: è il bilancio di una serie di controlli che i Carabinieri del Nas hanno eseguito nelle ultime settimane, in tutto l’Abruzzo, nel settore della filiera delle uova. Sei, complessivamente, le aziende ispezionate nelle quattro province.

I controlli hanno riguardato due aziende del Pescarese, due dell’Aquilano, una del Teramano e una del Chietino. Fra le inadeguatezze igienico-sanitarie e strutturali rilevate in alcune di esse, la presenza di alcune aperture non protette da reti anti passeri. In un’azienda dell’Aquilano è stata accertata l’assenza della cosiddetta ‘dogana danese’, misura introdotta in materia di malattie infettive e diffusive dei volatili dalla recente normativa.

Operati nel Teramano la sospensione di un’attività di deposito imballaggi e il vincolo, ai fini della distruzione, di sei bancali di imballaggi primari e di due quintali di alimenti a base di uova, detenuti in condizioni igieniche carenti. I militari non hanno rivelato, al momento, il nome del sito.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.