GROTTAMMARE – Importante iniziativa sulla costa.

La Regione Marche fa il punto sui Contratti di fiume marchigiani.

Domani, giovedì 24 ottobre, alle ore 17, nella Sala consiliare di Palazzo Ravenna si terrà la tappa grottammarese del percorso di confronto avviato dalla Regione Marche nei territori interessati dai Contratti di fiume.

All’incontro sarà presente Stefania Tibaldi, dirigente della P.F. Tutela delle acque e Difesa del suolo e della costa, settore collegato all’assessorato regionale all’Ambiente.
Il Tavolo verrà aperto dal sindaco Enrico Piergallini, mentre il resoconto dello stato dell’arte del percorso che interessa i territori bagnati dal Tesino è affidato all’addetto al servizio Partecipazione del Comune, Pier Paolo Fanesi. L’invito a partecipare all’iniziativa è aperto a tutti.

Oltre a fare il punto della situazione locale, l’occasione si presta per un confronto con gli altri contratti di fiume  avviati nelle Marche.
Nella regione, infatti, il percorso è iniziato nel 2014, con l’approvazione della Dgr 1470 inerente all’”Adesione della Regione Marche alla Carta nazionale dei Contratti di fiume”; è proseguito nel 2016, con l’istituzione del Tavolo tecnico regionale permanente di coordinamento dei Contratti di fiume, e la conseguente assegnazione alla P.F. Tutela delle acque e Difesa del suolo e della costa del compito di coordinare il comitato e di seguire, accompagnare e stimolare positivamente il processo realizzativo dei Contratti di fiume nel territorio regionale.

I Contratti di fiume avviati in ambito regionale tra il 2015 e il 2019 sono 10 (Metauro-Arzilla, Musone, Esino, Misa-Nevola, Foglia, Tesino, Fiastrone-Fiastra, Bosso-Biscubio-Burano-Candigliano, Potenza, Aso) interessano altrettanti bacini idrografici per una superficie complessiva di 5900 kmq, pari al 61% del territorio. I Comuni coinvolti sono 110, pari al 51% della popolazione regionale residente.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.