MONTEFIORE DELL’ASO – Dopo l’avvio di sabato, domenica 20 ottobre a Montefiore dell’Aso prosegue la Castagnata in Piazza organizzata dalla Pro Loco locale. Durante la giornata (stand aperti a pranzo e cena, posti anche al coperto), nel centro storico del borgo piceno, si potranno degustare primi e secondi piatti, caldarroste e dolci.

Una delle novità di quest’anno è il coinvolgimento di tutto il centro storico con botteghe, punti degustazione, laboratori per bambini, mostre.

La giornata sarà animata da “stornellatori e cantastorie” che si esibiranno nelle due piazze Repubblica e Risorgimento proponendo motivi popolari, saltarelli, stornelli e caratteristiche canzoni dialettali.

Ricco e gustoso il menù proposto: polenta, fettuccine, zuppa, spezzatino di cinghiale con lenticchie, fagioli con le cotiche, pizzette fritte, olive fritte al tartufo e tanto altro abbinato a castagne e prodotti rigorosamente di stagione..

Nell’area dell’ex mercato, grazie alla collaborazione con l’Osteria Cinque Colli, Manu’s Pizza e La Marchigiana di Porrà saranno proposti: faraona con le castagne e tagliere di salumi con delle focacce alla zucca.

Dalle 14,30 alle 16,30 i più piccoli potranno partecipare ai laboratori sul tema “Autunno creativo”, divertendosi nel realizzare dei lavoretti grazie alle tre proposte “Lab Fiore” a cura dell’Infiorata Montefiore dell’Aso, “Lab Impronta” a cura di Alessandro Lisa con lavorazione della creta e “Lab smile” macramè, intrecciato e telaio con Mariana Beatriz Leonardi. Per info e prenotazioni Debora 338.3199224 o Giorgia giorgiav@hotmail.it.

Alle 17 presso Largo De Vecchis si terrà lo spettacolo di Progetto Latcho Drom Follies. Un tenero mascalzone che passerà da magia a giocoleria in uno schioccare di dita. Numeri comici, abilità improvvisazione e colpi di scena si alterneranno per un divertimento assicurato.

Sempre alle 17 ma in Piazza della Repubblica si esibiranno i “50 Celt-Celtic rock”, gruppo nato nel 2018 che spazia tra le sonorità e i brani dei territori gaelici e presentati con strumenti tradizionali come il Tin Whistle ( Alberto Squadroni ), il Violino ( Alberto Amadio ) e l’Organetto – Diatonic Accordion ( Serena Canala ) per creare una mescolanza tra passato e presente.

Passeggiando lungo le vie del borgo sarà possibile osservare artigiani al lavoro all’interno di antiche botteghe o cantine riaperte per l’occasione. Diversi i mestieri proposti: il pittore, il vasaio, il ramaio, il calzolaio, il cestaio, l’arte del mosaico, il cappellaio, il mosaicista, l’artigiano dell’intreccio a mano, il tartufaio.

Inoltre lungo il Belvedere De Carolis sarà allestito un mercatino di artigianato artistico con creazioni di gioielli con l’uncinetto, pittura su quadri, fai da te, gioielli artigianali, sassi dipinti, opere artistiche con legno e altri interessati manufatti.

In via Leopardi infine ci sarà la mostra sul Carnevale Storico Montefiorano. Grazie alla documentazione fotografica sarà possibile rivivere i momenti salienti del Carnevale e del lavoro artigiano applicato alla realizzazione dei carri.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.