NERETO – Altri risvolti drammatici sulla tragedia avvenuta il 9 ottobre nel Teramano dove una giovane mamma è stata assassinata con un coltello da cucina in casa.

Qui i precedenti articoli

Tragedia a Nereto, fermato a Tortoreto il compagno della donna trovata morta in casa

Nereto, 34enne trovata morta in casa. Ferite da taglio sul corpo, indagano le Forze dell’Ordine

Ha confessato il compagno di Mihaela Roua, Cristian Daravoinea di 36 anni, al Pm di Teramo e ai carabinieri del Comando Provinciale: “Ho ucciso Mihaela perché voleva lasciarmi, ero geloso”.

L’omicidio è accaduto intorno all’ora di pranzo. Prima di fuggire in auto l’uomo si sarebbe inferto nove fendenti probabilmente per suicidarsi ma le ferite riportate non erano così gravi secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Teramo e del reparto operativo, diretti dal colonnello Giorgio Naselli e dal tenente colonnello Luigi Dellegrazie.

E’ stato, infatti, trovato sanguinante all’interno del proprio veicolo a Tortoreto dai carabinieri e portato in ospedale a Giulianova dove tutt’ora si trova piantonato. E’ in stato di fermo per omicidio volontario in attesa di convalida.

La salma della 34enne verrà sottoposta nelle prossime ore ad un’autopsia. La donna lascia una bambina di 6 anni che si trovava a scuola nel momento del delitto. A lanciare l’allarme un’amica della giovane mamma.

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.