SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Questura di Ascoli ha diffuso nuovi dettagli sul fermo compiuto l’8 ottobre a San Benedetto.

Qui il precedente articolo

San Benedetto, tenta di rapinare una farmacia: fermato

E’ ai domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo, il 65enne di San Benedetto responsabile di una rapina ai danni della farmacia Angelini situata lungo via Trieste.

Un arresto in flagranza di reato ma che si collega ad un’intensa attività d’indagine delle ultime settimane da parte della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato sambenedettese.

Verso le 18 l’uomo è entrato nella farmacia con una pistola in mano e si è fatto consegnare dai dipendenti il denaro presente in cassa. Prima di agire aveva “monitorato” altre farmacie per poi far ricadere la scelta in quella di via Trieste. La Polizia si era già appostata nei dintorni con tre pattuglie, in borghese, pronta ad agire.

Dopo il colpo, il rapinatore è fuggito verso il vicino lungomare ma è stato bloccato, appunto, dagli agenti e arrestato.

Sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad accertare l’eventuale coinvolgimento dell’arrestato in analoghi fatti, come nel mese scorso da D’Aurizio tra via Manzoni e Marsala.

Qui l’articolo

Con una pistola rapina la Farmacia D’Aurizio, malvivente in fuga

Il rapinatore fermato ieri aveva una pistola Revolver a salve e uno scaldacollo per nascondere il viso. Restituito il denaro trafugato ai titolari della struttura sambenedettese.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.