SANTURRO Portiere “moderno” in occasione del gol di Di Massimo: dopo l’uscita in calcio d’angolo lancia di prima intenzione il numero sette che così va a timbrare l’1-0. In un passaggio rischia di mettere in difficoltà la squadra, ma la difesa rimedia.

MICELI e CARILLO Gara ordinata, non concedono nulla ai modenesi tranne che nell’occasione fatale che ha portato al gol di Rossetti. Giocano spesso palla a terra con ordine e sicurezza per far ripartire l’azione.

RAPISARDA 6 Molto bene come al solito in fase di appoggio, non riesce a fermare la percussione sulla sua fascia che porta al pareggio ospite. Viene trattenuto per la maglia in area mentre si approssima al tiro da posizione pericolosa, per l’arbitro tutto regolare

GEMIGNANI 6,5 Molto attento e propositivo sulla sua corsia, non molla mai e ha trovato un equilibrio tattico notevole sull’asse con Frediani e Di Massimo.

ANGIULLI 7 Giocatore che oramai rappresenta una sicurezza anche in un modulo offensivo e che vede gli avversari raddoppiare o triplicare il pressing su di lui proprio per evitare che possa dirigere al massimo l’0rchestra di Montero. Nella ripresa prende in mano la squadra ed è autore di alcune giocate eccezionali.

ROCCHI 6,5 Fa coppia a due per la prima volta con Angiulli e il tutto sembra funzionare. Dopo 20 minuti si fionda su un cross di Gemignano e per poco non beffa Gagno. Nella ripresa va ancora vicinissimo al gol su un destro dal limite, fuori di pochissimo. Non lucido nella ripresa su un assist aereo di Cernigoi che lo libera, seppur defilato, in area.

FREDIANI 6,5 Al 32′ è autore di un tiro velenoso destinato all’angolino che esce di pochissimo. Si scambia bene con Di Massimo creando problemi di gestione su quella fascia ai difensori avversari.

DI MASSIMO 7,5 Parte come aveva finito a Fermo, alla grande. Dopo pochi minuti con una percussione centrale buca la difesa modenese e il suo sinistro si stampa sul palo interno (nella ripresa coglierà un altro palo su azione simile). Poco dopo è autore di uno scatto “coast to coast” su rinvio di Santurro, brucia Politti e realizza il suo secondo gol stagionale. Encomiabile anche in copertura. Ad oggi insostituibile, anche se nell’ultima mezz’ora entra meno nel gioco e un po’ si sente. Chiede il cambio esausto.

ORLANDO 6,5 Bene nella fase offensiva ma per le sue caratteristiche fisiche e tecniche fa fatica a garantire la copertura di cui pure Rapisarda avrebbe bisogno. Troppo egoista nel secondo tempo.

CERNIGOI 6 Parte un po’ frenato poi nel finale di tempo si scioglie con alcune scorribande, poi è autore di una inzuccata che chiama Gagno alla parata sulla linea. Un po’ stanco nella ripresa.

VOLPICELLI 6 Non entra bene in partita nonostante l’impegno non gli manchi, ma si “scioglie” dopo qualche minuto.

GELONESE 6 Lui invece entra bene, fornisce energia fresca al centrocampo rossoblu.

TRILLO’ sv.

 

MONTERO 7 Ad eccezione della gara di Pesaro e dello strano seppur vittorioso secondo tempo con l’Arzignano, i suoi giocatori praticano un calcio efficace e spettacolare, offensivo e dinamico. C’è da valutare però come la Samb subisca gol spesso alla prima conclusione degli avversari.

A tratti, occorre dirlo, il calcio espresso dalla Samb, la facilità di palleggio già dalla fase difensiva per uscire dal pressing avversario giocando il pallone è davvero notevole e questa Samb, per il gioco che esprime, c’entra poco con la Serie C. Forse così poco che è quasi incredibile come fino ad ora abbia raccolto così poco, come possa aver pareggiato contro Triestina, Fermana e Modena subendo in tre partite meno di tre azioni pericolose e avendone realizzate almeno 20 (con qualche errore arbitrale, pure).

La via sembra quella giusta semmai, nella nuova squadra offensiva, il problema potrebbe essere quello dei cambi, a partire dall’attacco, dove il solo Volpicelli è a disposizione per far riposare il quartetto d’oro. Certo se la situazione dovesse perdurare a lungo occorrerà farsi qualche domanda e cercare di provvedere. Per ora, come dire: testa bassa e pedalare, nella speranza che la (s)fortuna non si accanisca.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.