PETRITOLI – Individuato il responsabile di un vasto rogo innescatosi giorni fa nell’entroterra.

L’incendio verificatosi nella mattinata del 18 settembre, in contrada San Marziale a Petritoli, è stato colposo, e a far partire le fiamme è stata una signora, che stava bruciando dei residui vegetali.

Si è riusciti a risalire al responsabile grazie agli accertamenti tecnici e all’attività investigativa messi in atto dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Fermo intervenuti sul posto. Le indagini, svolte con il M.E.F. (metodo delle evidenze fisiche), hanno permesso di individuare con esattezza il punto d’innesco e da esso l’autore. La disattenzione ha comportato il propagarsi delle fiamme su una superficie di circa un ettaro, di cui 2.500 mq di bosco di latifoglie.

L’autrice è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria competente per il reato di incendio boschivo cagionato che prevede la pena della reclusione da uno a cinque anni.

È importante che la popolazione e in particolare gli agricoltori evitino, in questo periodo caratterizzato da lunga siccità e dalle particolarità condizioni meteo (vento e temperature miti), di bruciare residui vegetali o incolti, che potrebbero sfuggire di mano, trasformandosi in pericolosi incendi boschivi.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.