MARTINSICURO – Minaccia di sparare alla nuora, i carabinieri di Martinsicuro gli sequestrano tutte le armi a disposizione.

Sotto l’occhio del ciclone, nei giorni scorsi, è finito un pensionato di Martinsicuro di 71 anni che, al culmine di un violento litigio in famiglia, aveva minacciato di usare le armi in suo possesso contro la nuora. Per sedare l’alterco, sul posto si erano portati i carabinieri della locale stazione che, dopo aver calmato gli animi avevano ascoltato i protagonisti della vicenda.

La donna, ha raccontato ai militari di essere stata pesantemente minacciata dal suocero e ha mostrato tutta la sua preoccupazione temendo che dalle parole si potesse, a breve, passare ai fatti, vista anche la dotazione di fucili e pistole di cui l’uomo era in possesso. I carabinieri intervenuti hanno voluto approfondire subito la vicenda e hanno deciso di passare subito al ritiro cautelativo delle armi detenute del 71enne.

L’uomo in casa aveva un fucile da caccia e una pistola calibro 6.35 con tutta la relativa scorta di munizioni. Sia il fucile che la pistola sono risultate regolarmente denunciate ma, viste le gravi minacce nei confronti della donna, scaturite dopo il violento alterco, e in attesa di ulteriori provvedimenti successivi si è deciso di non correre nessun tipo di rischio procedendo al ritiro delle armi. Nel caso specifico, non è da escludere che possa essere avviato il percorso amministrativo anche per la revoca del porto d’armi dell’uomo.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.