FERMO – Indicazione di un cittadino alle Forze dell’Ordine in questi giorni nel Fermano.

La Polizia ha fermato un’auto sospetta con a bordo due giovani individui italiani, ferma da più di 30 minuti in un’area vicina.

I due ragazzi, un uomo ed una donna, da subito mostravano atteggiamento diffidente ed elusivo, cercando di distogliere l’attenzione degli operatori dal veicolo, di proprietà del padre del ragazzo. Il primo controllo visivo, all’interno dell’automezzo, permetteva agli operatori di accertare che, occultata in un marsupio lasciato aperto posto sul tappetino poggiapiedi lato passeggero, vi era una sostanza che per caratteristiche di colore e per il confezionamento dava adito a ritenere si trattasse di sostanza stupefacente acquistata dalla ragazza, proprietaria del marsupio.

Veniva dunque effettuata una ispezione estesa al veicolo che dava esito positivo in quanto occultata all’interno del vano porta oggetti anteriore, lato passeggero, veniva rinvenuto un involucro in cellophane contenente altra sostanza stupefacente. A specifica richiesta il ragazzo che ne dichiarava il possesso per uso personale consegnava spontaneamente altra sostanza stupefacente occultata all’interno di un borsello in suo possesso.

Gli accertamenti successivi esperiti presso il Gabinetto di Polizia Scientifica della Questura permettevano di confermare la natura di stupefacente della sostanza per un peso complessivo pari a 7.2 grammi. A seguito di tale rinvenimento ai due ragazzi veniva contestata la violazione con contestuale sequestro amministrativo della sostanza, e ritiro della patente di guida del ragazzo.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.