GROTTAMMARE – Una serata per sperimentare un progetto, simulare il funzionamento e presentare TourIntime, una nuova applicazione dedicata al viaggio che da da qualche giorno è approdata sul sito di crowdfunding eppela.com per provare a diventare realtà illustrata ad un gruppo di turisti che hanno raggiunto Grottammare ieri sera, 30 luglio, per scoprire la città dal mare al vecchio incasato. 

Anche Grottammare, perla dell’Adriatico nelle Marche, è stata teatro di un “TourIntime Day”, evento a cui hanno partecipato alcuni visitatori che facendo un tour con la guida turistica Nicolas Abbrescia partendo da piazza Kursaal, arrivando al vecchio incasato a bordo del trenino lillipuziano, hanno scoperto le bellezze della città. Così vivendo un’esperienza mirata – un tour organizzato è patrocinato dal Comune di Grottammare con il supporto del gruppo “Voler bene a Grottammare” e l’appoggio del titolare della Salsamenteria San Giuseppe che per l’occasione ha allestito un aperitivo nel centro storico – i visitatori presenti hanno scoperto Tourintime, un’idea di turismo che si traduce nel progetto di realizzazione di una applicazione utile a chi vuole ottimizzare il tempo in viaggio. 

Sono proprio le Marche la regione da cui prende il via il progetto intitolato TourInTime: un sito internet e un’applicazione finalizzata a permettere ai viaggiatori di ottimizzare il loro tempo e denaro in viaggio. Promuovere le bellezze delle Marche e offrire uno strumento utile per spendere il tempo a disposizione in base ai propri interessi: è questa l’idea di Erika Mariniello, giornalista specializzata nel settore di viaggi e turismo e conduttrice di Marcopolo tv, condivisa e sviluppata insieme a Federico Minelli, esperto in marketing turistico, con un team di professionisti. 

Esistono, infatti, innumerevoli guide cartacee e molte anche in formato app per dispositivi mobili, ma nessuna è finalizzata a sviluppare le proprie proposte in base al tempo che un viaggiatore ha a disposizione. TourInTime, invece, si prefigge proprio di fare questo. Cambiare il modo di visitare un luogo avendo uno strumento utile per sapere cosa fare in un determinato luogo, in un lasso di tempo preciso, in base a degli interessi mirati e personali. 

Il progetto è promosso sul sito di crowdfunding Eppela.com fino al 16 agosto e può essere supportato facendo una donazione e ricevendo una ricompensa il base alla cifra dedicata. Donare è semplice e sicuro, si parte da un minimo di 5 euro e nel caso in cui il budget di 10 mila euro non venga raggiunto, i soldi tornano indietro al donatore senza trattenute.

“Sto lavorando al progetto da diverso tempo – spiega la giornalista di viaggi Erika Mariniello -. Viaggio molto per lavoro e spesso mi trovo in un luogo con una o due ore di tempo a disposizione senza sapere bene cosa fare e dove andare. Mi è capitato spesso di perdere occasioni importanti, di non aver visitato siti magari a pochi passi da me perché non ne conoscevo l’esistenza. Per questo stiamo lavorando per creare uno strumento per chi ama viaggiare che possa rispondere alle esigenze di chi si trova in un luogo, ha un interesse e un determinato arco di tempo da riempire in modo utile e costruttivo. Un sito da poter consultare prima di partire e un’applicazione da poter usare sul posto per ottimizzare tempo e denaro in viaggio. Dopo aver proposto il progetto ad enti ed imprenditori ho deciso di promuoverlo tramite una piattaforma di crowdfunding perché credo molto in chi come me ama andare alla scoperta di posti nuovi e vivere esperienze”.

Per il primo step il budget richiesto è di 10 mila euro e servirà a scegliere degli esperti, conoscitori di un territorio da inserire nel team e quindi iniziare a pianificare e organizzare le fasi del progetto anche dal punto di vista tecnico. La riuscita del lavoro si prevede poi al termine del superamento di ulteriori due fasi per cui verrà richiesto un ulteriore finanziamento e che porterà alla realizzazione effettiva del sito internet e dell’applicazione dedicata alle Marche. 

“Ho scelto di partire dalla regione Marche perché da otto anni è diventata la mia casa – ha aggiunto la giornalista -. Ho scelto di vivere in questa regione e di raccontarla e promuoverla con tutti i modi che ho a disposizione. Sono molto felice di aver avuto il supporto del Comune di Grottammare che in pochissimo tempo è riuscita ad organizzare un evento che è piaciuto molto ai presenti. Grottammare l’ho conosciuta grazie ad un documentario realizzato per Marcopolo tv, una perla meravigliosa che consiglio a tutti di visitare”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.