SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un allarme lanciato nella giornata di ieri da tre consiglieri comunali di San Benedetto e rientrato dopo, pare, un confronto fra Luca Ceriscioli e Cesare Milani, direttore dell’Area Vasta 5.

Giorgio De Vecchis, Marco Curzi e Rosaria Falco, infatti, ieri denunciavano che “l’Utic del nostro ospedale chiuderà in orario notturno dal 24 agosto al 1 settembre, e di notte il cardiologo resterà a casa in reperibilità per chiamate di urgenza”. I tre definivano gravissimo e assurdo il provvediemnto e parlavano di interruzione di pubblico servizio.

A seguire, però, un faccia a faccia fra Governatore e Area Vasta e infatti proprio De Vecchis, Curzi e Falco commentano: “Apprendiamo con estrema soddisfazione che, a seguito della nostra allarmante segnalazione , la direzione sanitaria ha cercato e trovato il modo di reperire dall’organico di Ascoli Piceno il personale necessario al funzionamento regolare ed a norma di legge, con cardiologo in servizio anche la notte, presso l’Utic del Madonna del Soccorso. Ed anzi, ad adiuvandum, sarà emesso un avviso per il completamento dell’organico, ed a settembre é prevista la pubblicazione del bando di concorso per primario di cardiologia. Vedete, quando i cittadini sono nel giusto e le istituzioni ne tutelano i diritti, basta un po’ di buona volontà e soprattutto di coscienza per evitare disservizi, omissioni pericolose e violazioni di legge”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.