SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ad un passo dal podio.

La Nazionale Italiana ha sfiorato la medaglia di bronzo il 26 luglio ai Mondiali di Gwangju in Corea del Sud nella finale di staffetta 4×200 di nuoto.

Ha fatto parte del team l’atleta sambenedettese Stefano Di Cola: proprio il rivierasco stava per regalare la terza posizione con uno sprint finale eccellente (1’45”38) ma per soli tre centesimi il tutto è sfumato. Peccato ma bravo Stefano, bravi i suoi colleghi azzurri. Il quartetto azzurro composto da Megli, Ciampi, Ballo e Di Cola si presentava all’ultima gara di giornata in quarta corsia, con Gabriele Detti che prendeva il posto di Ciampi.

Oro all’Australia (7’00”85), argento alla Russia (7’01”81), bronzo agli Stati Uniti di Haas (7’01”98). Con uno straordinario 7’02”01 l’Italia chiudeva quarta.

Una buona, comunque, prova per l’Italia. Olimpiadi 2020 conquistate nelle semifinali grazie anche all’atleta sambenedettese.

Di Cola ai microfoni Rai: “Dispiace non aver conquistato la medaglia di bronzo ma è stata una grande prestazione da parte di tutti noi, peccato ma siamo stati bravi”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.